Tra Boca e Universidad sbuca il Milan

26.6.63: Boca Juniors-Universidad de Chile 1-0

Libertadores 1963: contro l'Universidad il Boca utilizza per 45 minuti la maglia del Milan

Boca Juniors-Universidad de Chile è la seconda semifinale della Coppa Libertadores 2012. Se il derby brasiliano Santos-Corinthians può vantare quasi un secolo di duelli, la sfida tra argentini e cileni appena due partite. Ma si tratta di 180 minuti memorabili. L’unico precedente ufficiale tra Boca e Universidad risale al doppio confronto della fase a gironi della Coppa Libertadores 1963. La quarta edizione della coppa vedeva al via appena otto squadre, divise in tre gironi: Botafogo, Alianza Lima e Millionaros Bogotà nel primo gruppo, Peñarol Montevideo e Everest Guayaquil nel secondo, Boca, Universidad e Olimpia Asuncion nel terzo. Il 26 giugno 1963 il Boca ospita l’Universidad alla Bombonera. Per i cileni è la prima partita nel torneo dopo le due sconfitte subite coi Millionarios nel maggio 1960, nel primo turno dell’edizione inaugurale della Coppa Libertadores. Per i campioni del Cile un esordio da incubo: sette gol subiti, nessuno segnato (6-0 all’andata, 1-0 al ritorno). Ma quattro anni più tardi l’Universidad arriva al match col Boca con ben altra consapevolezza. La “U” è sì memore della disfatta del 1960, ma parecchio rassicurato dalla presenza nelle sue file di campioni come Rubén Marcos, Leonel Sánchez e Ernesto “il Maestro” Alvarez. Il club cileno trova motivo di incoraggiamento anche nei risultati alterni del Boca nelle prime due sfide contro l’Olimpia: 1-0 per i paraguayani a Asuncion, successo argentino per 5-3 a Buenos Aires.

Il primo confronto di sempre del Boca Juniors con l’Universidad non è entrato nella storia del club gialloblu per l’1-0 strappato in avvio di ripresa dopo un primo tempo da dimenticare. No. Il motivo sono le divise di gioco utilizzate per l’occasione dai “Genovesi”. Il blu domina nei completi di entrambe le squadre, il Boca allora decide di utilizzare le magliette rossonere ricevute dal Milan un anno prima. Un regalo consegnato in occasione dell’acquisto dal club argentino del centrocampista peruviano Victor Benitez, che dopo l’esperienza milanista avrebbe giocato in Italia anche con le maglie di Messina, Roma, Venezia e Inter. Ma i colori rossoneri non sembrano ispirare i giocatori di casa che chiudono la prima frazione sullo zero a zero. Allenatore e giocatori non hanno dubbi sulla vera causa di un primo tempo così anonimo e rispuntano dagli spogliatoi con la maglia di riserva (gialla con due strisce blu orizzontali sul petto). Il cambio produce subito gli effetti desiderati: dopo appena due minuti Alberto González sigla il gol partita per la squadra di casa.
Il 31 luglio il Boca vincerà anche la gara di ritorno a Santiago. Una sfida incandescente – ma non poteva essere diversamente con Rattin e Sanchez in campo – che si chiuderà con quattro espulsi e il successo del Boca per 3-2: agli “Universitari” non basta la doppietta di Carlos “el Tanque” Campos. La vittoria dà agli argentini la vetta del girone che vale a Sanfilippo e compagni un posto in semifinale contro il Penarol e poi in finale contro Santos di Pelé. Un accoppiamento che ha parecchie probabilità di ripetersi quest’anno. ECL AMERICA

Boca Juniors, campione d'Argentina 1962 Universidad de Chile, campione del Cile 1962
 Boca Juniors, campione d’Argentina 1962  Universidad de Chile, campione del Cile 1962

©LECHAMPIONS.it. Tutti i diritti riservati/All rights reserved.