Roma-Liverpool 4-2 © 2018 LECHAMPIONS. All rights reserved.

Roma: impresa senza finale

Era difficile ma non impossibile. E il 4-2 rifilato ieri al Liverpool lo ha dimostrato. Purtroppo serviva almeno un’altra rete alla Roma per ‘pareggiare’ il risultato dell’andata e giocarsi tutto ai supplementari o ai rigori. Così non è stato e per i giallorossi la grande avventura nella Champions League 2017-18 è finita. In una più che rispettabile semifinale: a Kiev il prossimo 26 maggio quindi ci saranno il Real Madrid e i reds. CR7 e Salah, ieri in ombra ma aveva già fatto tutto nei primi 90′. Oltre al 2-5 subito a Anfield, all’Olimpico decisivi gli errori di inizio gara che dopo soli 9′ hanno dato il vantaggio agli ospiti. E gli errori ieri non erano concessi. Naingollan il ‘colpevole’, Naingollan l’autore anche di una inutile ma bella doppietta. Serviva il 3-0 ottenuto col Barcellona ma alla squadra di Di Francesco bisogna solo applaudire. LECHAMPIONS EUROPA

I commenti del dopo partita

L’allenatore della Roma, Eusebio Di Francesco: “Sono arrabbiato e rammaricato perché la mia squadra ci doveva credere di più, come ci credevo io, sono prima di tutto dispiaciuto: nell’intervallo ho detto che come ne avevamo fatti tre al Barcellona, potevamo farne quattro al Liverpool e le occasioni avute l’hanno dimostrato. Quando si passa attraverso gli errori non ci sono rimpianti: non dimentichiamo che ero alla prima esperienza in Champions, e che la Roma non è abituata a questi match. Abbiamo fatto tanto anche se potevamo fare di più. Detto questo, penso che i ragazzi abbiano fatto qualcosa di straordinario, e vi assicuro che non è facile: dopo essere andati al riposo sull’1-2 regalando due gol, nel secondo tempo siamo riusciti a fare una partita quasi perfetta, segnando tre gol e bloccando gli attaccanti del Liverpool. Sono rammaricato perché, alla luce di quanto visto stasera, abbiamo compromesso le cose nella partita di andata. Abbiamo commesso errori ad Anfield e ne abbiamo commessi altri questa sera: in questo torneo i dettagli fanno la differenza e noi ci porteremo dietro i nostri errori per farne tesoro e proseguire in questo cammino di crescita”.

Il tecnico del Liverpool, Jurgen Klopp: “Al 100% dedichiamo questa finale a Sean Cox che sta lottando per qualcosa molto più importante di una partita di calcio. La dedichiamo a lui. Non siamo stati freddi abbastanza, loro sono stati aggressivi e volitivi. Noi non abbiamo gestito benissimo la partita, ma faccio i complimenti ai ragazzi perché la Roma è fortissima e abbiamo raggiunto un traguardo importante. Il Real Madrid in finale? Non importa chi ci sia dall’altra parte. Andremo a Kiev, dove però dovremo giocare meglio di questa sera. Siamo felici di essere in finale”.

UEFA Champions League 2017-18 – Ritorno semifinale  / Roma, stadio Olimpico

Roma-Liverpool 4-2

ROMA: Alisson, Florenzi, Manolas, Fazio, Kolarov, Pellegrini (8′ st Ünder), De Rossi (24′ st Gonalons), Nainggolan, Schick, Dzeko, El Shaarawy (30′ st Antonucci). All. Di Francesco
LIVERPOOL: Karius, Arnold (46′ st Clyne), Lovren, Van Dijk, Robertson, Wijnaldum, Henderson, Milner, Salah, Firmino (42′ st Solanke), Mané (38′ st Klavan). All. Klopp

Arbitro: Skomina.
Reti: 9′ Mané,15′ Milner (aut.), 25′ pt Wijnaldum, 7′ st Dzeko, 41′ st e 48′ st Nainggolan
Ammoniti Lovren, Florenzi, Manolas, Robertson, Solanke.