Liverpool in festa © 2019 LECHAMPIONS. All rights reserved.

IncreLiverpool

L’incredibile che diventa realtà e incubo allo stesso tempo. Nonostante il miracolo eccezionale dello scorso anno (Barcellona-Roma 3-0, Roma-Barcellona 4-0) nessuno avrebbe immaginato che i blaugrana concedessero il bis. Nemmeno Jurgen Klopp che ieri ad Anfield nell’undici titolare non aveva niente po’ po’ di meno che Salah e Firmino. Due dei tre che formano il tridente del suo grandioso e storico Liverpool. ‘L’impresa di stasera non la dimenticherò mai’, queste le parole del tecnico dei reds a fine match. Non se la scorderanno mai nemmeno i tifosi che ieri non credevano ai loro occhi mentre i blaugrana crollavano sotto le doppiette di Divock Origi (prime reti in Champions League per il sostituto di Momo, la seconda agevolata dall’astuzia di Alexander-Arnold e da una disattenzione imbarazzante della difesa ospite) e di Georginio Wijnaldum (entrato a inizio ripresa al posto dell’infortunato Robertson). Due semisconosciuti ai più ma capaci di oscurare Messi e gli ex di lusso Suarez e Coutinho. La pulce (che ieri sembrava un pulcino davanti agli assetati di rimonta) ha fatto dimenticare dopo soli sette giorni il gol numero 600 con la maglia del Barca e la doppietta con cui aveva segnato il destino dei rivali. Destino che si è capovolto con una gara inguardabile della squadra di Valverde (‘Quando subisci rimonte del genere non hai scuse’, ha dichiarato nel dopo partita). E una storica di questo ‘increLiverpool’ che probabilmente perderà la Premier League a favore del Manchester City ma il prossimo 1 giugno arriverà allo stadio Metropolitano di Madrid da favorito. La sesta Coppa dei Campioni della sua storia lo aspetta perché dopo ieri Ajax o Tottenham non possono far paura. Anche se i miracoli nel calcio esistono. LECHAMPIONS EUROPA

UEFA Champions League 2019 – Ritorno Semifinale / Liverpool, Anfield

Liverpool-Barcellona 4-0

LIVERPOOL: Alisson, Matip, van Dijk, Robertson (46′ Wijnaldum), Alexander-Arnold, Milner, Henderson, Fabinho, Shaquiri (90′ Sturridge), Mané, Origi (85′ Gomez). All. Jurgen Klopp
BARCELLONA: ter Stegen, Piqué, Jordi Alba, Sergi Roberto, Lenglet, Rakitic (80′ Malcom), Vidal (75′ Arthur), Sergi Buquests, Coutinho (60′ Semedo), Messi, Suarez. All. Ernesto Valverde

Arbitro: Cakir (Turchia)
Reti: Origi 7′ 79′, Wijnaldum 54′ 56′
Ammoniti: Matip, Fabinho; Rakitic, Sergi Busquests, Semedo