© 2018 Andy Mueller. All rights reserved.

Van Wolfswinkel fa fuori il Psv

Un gol di Ricky van Wolfswinkel elimina il Psv Eindhoven dall’Uefa Champions League 2019-20. Una bella rivincita per il centravanti olandese che a 20 anni veniva visto come possibile erede di Roy Makaay o Jan Klaas Huntelaar e che a 30 cerca di rilanciare in Svizzera una carriera costellata da tanti gol ma che non ha mantenuto appieno le promesse.
Dopo aver girovagato tra Portogallo (nello Sporting le stagioni migliori), Inghilterra e Francia, l’ex bomber di Vitesse e Utrecht ha firmato la sorpresa del secondo turno preliminare di Champions, siglando il 2-1 che manda a casa i connazionali del Psv Eindhoven, vincitore una settimana fa per 3-2. Grande delusione per la squadra allenata dall’ex Milan Mark Van Bommel.
Pronostico rispettato invece dal Celtic, che grazie a alle autoreti di Kulinits e Shved supera 2-0 il Kalju in Estonia, completando il lavoro iniziato a Parkhead col 5-0 dell’andata.
Non basta il rigore trasformato al 27′ da Mario Fontanella, 30enne centravanti napoletano del Valletta, per evitare ai maltesi l’eliminazione per mano del Ferencvaros. Dopo essere passati in vantaggio i padroni di casa vengono raggiunti sull’1-1 al 59′ da Nguen, che chiude il discorso qualificazione dopo il 3-1 dell’andata degli ungheresi.
Doppio 3-0 per la Dinamo Zagabria sui georgiani del Saburtalo e per l’Apoel che supera 3-0 i montenegrini del Sutjeska, grazie alla tripletta di Pavlovic. Meno agevole di quanto dica il risultato finale il 4-0 dell’Olympiakos sul Viktoria Plzen, che ambiva a tornare alla fase a gironi. Il successo greco matura nel secondo tempo, grazie a Guilherme al 51′, Guerrero al 70′, all’autogol di Řezník al 73′ e al poker di Rúben Semedo all’82’. LECHAMPIONS EUROPA