Auckland CiAuckland City-Venus Tahiti. Foto: OFC/Massimo Colombini © 2020 OFC/Massimo Colombini

Magenta e Auckland volano ai quarti

Quattro gruppi, una località, tre giornate, sei partite ciascuno, per mandare otto squadre ai quarti della Ofc Champions League 2020. La formula introdotta lo scorso anno ha riscosso successo, anche perché ha il merito di ridurre costi dei trasferimenti e l’impronta ecologica della manifestazione. Scelte virtuose, ancora più apprezzabili in tempi di Coronavirus.

In Papua Nuova Guinea sono state giocate le sei partite del  girone A, che hanno visto i neozelandesi dell’Eastern Suburbs chiudere al primo posto con due successi e un pari. Passa il turno come seconda qualificata l’Au Bon Marche Galaxy, rappresentante di Vanuatu, che chiude a quota quattro appaiato all’Hekari United. Decisiva la differenza reti nel passaggio del turno dell’Abm, sconfitta 2-1 nel confronto diretto con l’Hekari, padrone di casa e vincitore dell’Ofc Champions League 2010.

Il fattore campo si fa sentire invece nel girone B, ospitato a Vanuatu, e vinto dai Malampa Revivors locali, con cinque punti, gli stessi dell’Henderson Eels delle Isole Salomone, penalizzati dalla differenza reti. Minima la differenza tra le due squadre, che avevano chiuso sul 2-2 uno scontro diretto particolarmente vibrante e aperto sino all’ultimo: con Nawo che all’80’ siglava il 2-1 per gli Eels, che venivano però raggiunti sul 2-2 all’86’ dai Revivors per merito di Armando Ravo. Eliminato invece Il Lae City, che chiude al terzo posto a quota quattro, nonostante il portentoso esordio nel girone col 7-0 rifilato al Lautoka.

Nel girone C, ospitato in Nuova Caledonia, i padroni di casa del Magenta chiudono a punteggio pieno, con 9 punti, tre più dei Solomon Warriors. Eliminate Tiare Tahiti e Tupapa Maraerenga, che ha deciso di ritirarsi dal torneo, dopo che le autorità mediche neocaledonesi hanno impedito ai giocatori delle Isole Cook di partecipare a allenamenti e partite per la mancata vaccinazione dei propri giocatori al morbillo.

Tre vittorie su tre anche per l’Auckland City, che domina il girone D, giocato nella Polinesia  francese, con 9 reti fatte e nessuna subita. Secondo posto per i padroni di casa del Venus Tahiti, che chiudono a quota 6 e si qualificano ai quarti della Champions oceanica, in programma fra tre settimane. LECHAMPIONS OCEANIA