Victor Simoes (Al Ahli)
Victor Simoes (Al Ahli)
Simoes trasforma il penalty decisivo per l'Al Ahli

Victor Simoes impiega quasi 120 minuti per vincere il derby con Ricardo Oliveira, riservando al connazionale la più cocente delle delusioni. Alla vigilia della partita con l’Al Ahli i giocatori dell’Al Jazira  avevano chiesto il sostegno dei tifosi per sfruttare il vantaggio di giocare in casa gli ottavi della AFC Champions League 2012. Al Mohammed Bin Zayed Stadium sono arrivati in 13mila e se sembrano pochi si tratta del record stagionale per il club di Abu Dhabi, che vanta una media di circa duemila spettatori. La gara non parte nel modo migliore per i padroni di casa che al 22′ passano in svantaggio grazie al gol di Marcelo Camacho che dal limite mette sotto l’incrocio, punendo un maldestro tentativo di uscita palla al piede della difesa locale. Dieci minuti più tardi però Ricardo Oliveira con un gran colpo di testa all’incrocio trova il pari per i padroni di casa, che al 62′ si portano in vantaggio con l’ex centrocampista del Besiktas Matias Delgado bravo ad anticipare di tacco l’uscita di Al Maiouf. Il gol più “brasiliano” della serata lo sigla un argentino. Ma la squadra di Caio Junior, nonostante la presenza in difesa di giocatori esperti come Lucas Neill, è tutt’altro che impenetrabile e soprattutto è incapace di chiudere gli spazi quando deve proteggere il vantaggio. A un quarto d’ora dal termine Amad Al Hosni passa indisturbato nel cuore della difesa locale per intervenire su una palla lenta e scavalcare Ali Khaseif in uscita, siglando per gli ospiti il 2-2 che manda la partita ai supplementari. Al 114′ Oliveira si conferma con pieno merito capocannoniere del torneo siglando con un gran diagonale sul palo più lontano il 3-2 (12° centro in Champions) per l’Al Jazira nell’entusiasmo dei tifosi locali. Ma quando mancano due minuti alla fine della partita è Victor Simoes a trovare ancora il pareggio per l’Al Ahli con un potente sinistro dai 25 metri che sorprende Ali Khaseif. Si va ai rigori. Apre la serie Camacho che non sbaglia, mentre Oliveira (sì, proprio lui) calcia centralmente su Al Maiouf che imita Manuel Neuer e si presenta sul dischetto superando il collega: 2-0. Berghush mette a segno il primo rigore per i padroni di casa, Yasser replica portando gli ospiti sul 3-1. Ismaeel tiene in corsa l’Al Jazira, Palomino manda sulla traversa la palla del possibile 4-2. L’errore del numero tre saudita dà all’Al Jazira si poter pareggiare il conto, ma ancora una volta la squadra di casa viene tradita da uno dei giocatori più esperti: Lucas Neill spedisce il suo destro sulla traversa e restituisce il matchpoint all’Al Ahli, che Simoes stavolta non sbaglia. Il successo dell’Al Ahli restituisce un po’ di ossigeno al movimento saudita che da tempo non rappresenta più il battistrada del calcio asiatico.

Nel derby iraniano tra Sepahan e Esteghlal, i neo campioni dell’Iran hanno confermato l’esito del campionato appena concluso (vinto con un punto di vantaggio sugli avversari) superando ancora una volta i rivali. Il 2-0 che manda il Sepahan ai quarti arriva con pieno merito, al termine di una gara in cui gli ospiti hanno combinato poco o nulla. Il successo del Sepahan si materializza coi gol all’8′ del solito Bruno Correa, servito da un sempre ispirato Sukaj, e al 35′ di Bengar, ancora su assist di Sukaj. Stasera altri due ottavi: Al Hilal-Bani Yas e Al Ittihad-Persepolis. ECL ASIA

©LECHAMPIONS.it. Tutti i diritti riservati/All rights reserved.