Federico Piovaccari
Federico Piovaccari
Lo Steaua festeggia Piovaccari

Tre qualificazioni praticamente al sicuro e due ancora da giocare. Questo è il ‘resoconto’ della seconda giornata di partite valide per l’andata degli spareggi della Champions League 2013-14. Le tre più che rassicuranti vittorie sono state confezionate in trasferta. Partiamo dalla quella con cui l’Arsenal si è sbarazzato del Fenerbahce: gli inglesi hanno spazzato le speranze dei turchi andando in gol tre volte nella ripresa. Dopo la sorprendente sconfitta casalinga con l’Aston Villa nella prima giornata di Premier, i gunners si riscattano subito e a Istanbul mettono in cassaforte la sedicesima qualificazione consecutiva alla fase a gironi. Allo stadio Şükrü Saracoğlu, nonostante già nella prima frazione si sia notata la superiorità della squadra di Wenger, i gol come detto arrivano nei secondfi 45′. A firmarli sono stati Gibbs (servito da Walcott), Ramsey (gran botta da fuori area che sorprende Volkan, piuttosto incerto nell’occasione) e Giroud che dal dischetto non sbaglia il penalty procurato da Walcott per fallo di Kadlec. Un terribile ko impossibile da rimontare per gli uomini di Yanal che in casa avrebbero dovuto osare di più ma con Meireles, Kuyt e Webò (sosituito) in ombra era veramente impossibile impensierire la retroguardia inglese. Arrivederci in Europa League.
Europa minore praticamente scontata anche per il Ludogorets: la simpatica squadra bulgara si è arresa al Basilea che a Sofia si è imposto con un bel 4-2. Eppure il match non era cominciato male per la squadra di Stoev: dopo il gol elvetico di Mohamed Salah, i padroni di casa sono riusciti a ribaltare il risultato per effetto delle reti di Marcelinho (al 23′) e di Stoyanov (al 50′). Allo stadio Vasil Levski però la gioia dura poco e il maggiore tasso tecnico della squadra di Murat Yakin viene fuori alla distanza. Gli ospiti infatti pareggiano ancora con Salah e allungano con Giovanni Sio e con il rigore di Fabian Schär. A poco meno di dieci minuti dalla fine c’è anche spazio per il rosso a Júnior Caiçara che lascia il Ludogorets in inferiorità numerica. Ma anche in undici sarebbe stato difficile evitare il ko.
Il terzo successo esterno è il 2-0 con cui l’Austria Vienna ha superato la Dinamo Zagabria. La resistenza dei croati (che venivano da otto vittorie casalinghe consecutive) dura solo un tempo: le reti di Leovac e Stankovic tra il 68′ e il 75′ spianano la strada verso il tabellone principale alla squadra di Bjelica ormai presenza fissa in Champions da diverse stagioni. La sconfitta del Maksimir invece sarà difficile da ribaltare in Austria per i ragazzi di Jurcic che tra sette giorni non avranno a disposizione Rukawina entrato al 70′ e espulso dall’arbitro inglese Webb subito dopo.
Due pareggi per uno a uno hanno invece caratterizzato Steaua Bucarest-Legia Varsavia e Schalke 04-Paok.  In Romania il gol dell’italiano Federico Piovaccari (ex Grosseto, Novara, Brescia e Sampdoria) non è bastato allo Steaua che ha subito la rete (Kosecki) dei polacchi di Urban a inizio ripresa. Un gol prezioso quello degli ospiti che al ritorno potranno anche pareggiare 0-0 per poter proseguire il cammino in Champions. Stesso discorso per i greci che dalla Germania ritornano con un grande risultato e a Salonicco partiranno favoriti per la qualificazione. La squadra di Stevens a Gelsenkirchen deve ringraziare Stoch che a un quarto d’ora dalla fine risponde al gol siglato alla mezz’ora da Farfan. Brutto colpo per i tedeschi di Keller che ora in Grecia devono fare l’impresa. ECL EUROPA

I risultati dei playoff

Martedi 20/08/2013
PSV-Milan 1-1
Pacos-Zenit 1-4
Viktoria Plzen-Maribor 3-1
Lione-Real Sociedad 0-2
Shakhter Karagandy-Celtic 2-0

Mercoledi 21/08/2013
Dinamo Zagabria-Austria Vienna 0-2
Lugodorets-Basilea 2-4
Steaua Bucarest-Legiua Varsavia 1-1
Shalke 04-PAOK 1-1
Fenerbahce-Arsenal 0-3

©LECHAMPIONS.it. Tutti i diritti riservati/All rights reserved.