Pablo Aimar
Pablo Aimar
Pablo Aimar, stella del Benfica

Solo una gara perfetta potrebbe permettere al Benfica di presentarsi la prossima settimana allo Stamford Bridge con il 50% di possibilità di qualificarsi alla semifinale della Champions League 2011-12. E’ questo in sintesi il pensiero del tecnico dei lusitani Jorge Jesus alla vigilia dell’andata dei quarti di finale contro il Chelsea. Dopo aver eliminato rispettivamente lo Zenit San Pietroburgo e il Napoli, portoghesi e inglesi (pari a reti bianche nei rispettivi ultimi turni di campionato con Olhanense e Tottenham) si affrontano nel quarto più equilibrato uscito dall’urna di Nyon.
Equilibrio confermato dal tecnico portoghese: “Non ho parlato del Chelsea con José Mourinho o André Villas-Boas perché i nostri avversari sono molto conosciuti e si possono sempre vedere in azione. Servirà un ottimo Benfica. Dovremo essere ispirati sia in difesa che in attacco; dovremo essere perfetti per vincere. In casa siamo forti ma affrontiamo una squadra esperta, abituata alle fasi calde della Champions League. La sfida non si deciderà a Lisbona, è solo il primo tempo. Il Benfica adesso è più esperto, sa controllare l’ansia e non partiremo spingendo subito per il gol: servirà pazienza. Il Chelsea ha quattro giocatori con cui ho lavorato in passato: David Luiz, Ramires, Hilário e Paulo Ferreira. Sanno come lavoro e se Di Matteo ne ha parlato con loro, ha fatto bene. Però ci sono anche novità perché il calcio è in continua evoluzione. Non bisogna dimenticare che Benfica e Sporting Lisbona hanno eliminato dall’Europa Manchester United e Manchester City, le due migliori squadre inglesi”. Precedenti che preoccupano non poco i blues.
Il Chelsea, reduce dalla bella rimonta contro la squadra di Walter Mazzarri, gioca con ben altro spirito rispetto all’era Villas Boas ma resta una squadra con parecchi problemi e un gioco tutt’altro che fluido. Ma l’esperienza internazionale gioca a favore di Drogba e compagni, pronti alla difficile sfida contro il Benfica che vanta una lunga striscia di imbattibilità casalinga nelle competizioni europee. L’allenatore Roberto Di Matteo: “Abbiamo avuto dei problemi, i numeri parlano chiaro, ma abbiamo ottimi giocatori. Credo sempre che il Chelsea sia un’ottima squadra. A Napoli abbiamo subito troppi gol, quindi adesso vogliamo segnare, ma senza subire troppo per avere un ritorno più tranquillo. Il Benfica gioca con grande intensità e applica una grande pressione, mantenendo però le sue grandi doti tecniche. Ho visto molte loro partite sia in campionato che in Europa. Hanno tanti bravi giocatori come Óscar Cardozo, Pablo Aimar, Nicolás Gaitán, Bruno César o Rodrigo. Noi stiamo migliorando, stiamo segnando in trasferta e proveremo a farlo anche domani per avere vita più facile a Stamford Bridge. La squadra è in buona forma, è più forte in difesa e non mi preoccupo se gli attaccanti non segnano, l’importante è che il pallone entri. Ho molta fiducia in questo gruppo. Sta dando prova di essere ancora molto forte, del resto siamo in semifinale di FA Cup e nei quarti di Champions League”. ECL EUROPA

Uefa Champions League 2011-12 / Andata Quarti di finale – Lisbona, stadio Da Luz

Possibili formazioni

BENFICA: Artur; Maxi Pereira, Luisao, Garay, Emerson; Gaitan, Javi Garcia, Witsel; Aimar; Rodrigo, Cardoso. Allenatore: Jesus.
CHELSEA: Cech; Bosingwa, David Luiz, Terry, Cole; Ramires, Meireles, Lampard; Sturridge, Drogba, Mata. Allenatore: Di Matteo.
Arbitro: Tagliavento (Italia)

Il programma dell’andata dei quarti di finale

Martedi 27/03/2012
Benfica-Chelsea
APOEL-Real Madrid

Mercoledi 28/03/2012
Milan-Barcellona
Olympique Marsiglia-Bayern Monaco

©LECHAMPIONS.it. Tutti i diritti riservati/All rights reserved.