Fenerbahce-Lazio 2-0Rovinare tutto in dodici minuti. Il tremendo finale di gara della sfida col Fenerbahce rischia di mettere fine alla campagna europea della Lazio, protagonista di una splendida Europa League. Anche allo stadio Sükrü Saracoglu di Istanbul i biancocelesti hanno dato prova di solida e concretezza, controllando senza particolari affanni la formazione di casa per l’intero primo tempo, con l’eccezione dello svarione di Lulic che al 16′ mette in condizione Sow di battere a rete, ma Marchetti è bravo a deviare sul palo la conclusione della punta di casa. In avanti la Lazio si vede poco e le occasioni per il talismano di coppa Libor Kozak, capocannoniere del torneo, sono nulle. Nessun guizzo in avanti ma nemmeno problemi dietro: il quartetto difensivo biancoceleste è ben protetto centralmente dal duo Hernanes e Onazi. E al secondo minuto della ripresa il giovane nigeriano diventa il protagonista in negativo della trasferta turca, con un’entrata sconsiderata che l’arbitro scozzese Collum punisce col secondo giallo, dopo quello mostrato nel primo tempo. La superiorità numerica dà fiducia al Fenerbahce che alza i ritmi e la pressione sulla retroguardia laziale. Raul Meireles colpisce un palo e Petkovic corre ai ripari sostituendo Ederson con Ledesma. La diga di centrocampo regge e lo 0-0, nonostante l’inferiorità, sembra una certezza per la Lazio. Ma ancora una volta arrivano in soccorso dei turchi un’ingenuità difensiva laziale  e l’intransigenza del direttore di gara che assegna ai padroni di casa un rigore per un fallo di mani di Radu su una palla che Ekrin gira di testa sul braccio del difensore biancoceleste, troppo vicino per poter evitare la traiettoria. Il contatto c’è, di volontarietà neanche l’ombra. Dal dischetto il 30enne centravanti camerunense Pierre Webò sblocca il risultato per il Fenerbahce. Al 90′ un contrasto tra Gonul e Mauri viene sanzionato dall’arbitro ai danni del laziale, con una punizione e un’ammonizione che gli costerà la gara di ritorno. Pochi attimi e il prezzo della decisione di Collum sale ancora per la formazione romana: Marchetti non trattiene la punizione di Erkin e Dirk Kuyt conferma il suo istinto per il gol ribattendo in rete da pochi passi: 2-0. Sarà dura per i ragazzi di Petkovic rimontare un risultato del genere davanti agli spalti vuoti dell’Olimpico. ECL EUROPA

Europa League 2012-13 – Andata quarti di finale / Istanbul, Sükrü Saracoglu

FENERBAHCE-LAZIO 2-0 (0-0)

Fenerbahce: Demirel, Gönül, Yobo, Korkmaz, Ziegler; Meireles, Topal (71′ Erkin); Kuyt, Cristian (75′ Uçan), Sow (86′ Topuz); Webó. Allenatore: Kocaman
Lazio: Marchetti, Gonzalez, Cana, Ciani, Radu; Onazi, Hernanes (86′ Mauri); Candreva, Ederson (63′ Ledesma), Lulic; Kozak (72′ Klose). Allenatore: Petkovic

Arbitro: Collum (Scozia)
Reti: Webó 78’rig, Kuyt 90′
Ammoniti: Ederson, Marchetti, Radu, Mauri; Korkmaz, Meireles
Espulso: Onazi (47′)

©LECHAMPIONS.it. Tutti i diritti riservati/All rights reserved.