Ronaldinho assistman di giornata
Ronaldinho assistman di giornata

Ricchissima notte di Libertadores 2013 quella tra mercoledi e giovedi. Tra le cinque giocate per la prima giornata della fase a gironi, spiccava senza dubbio il derby brasiliano tra Atletico Mineiro e San Paolo. In uno stadio Raimundo Sampaio gremito in ogni ordine di posto se lo sono aggiudicato i padroni di casa per 2-1. Grande  protagonista della serata è stato Ronaldinho: il Gaucho ha ‘partecipato’ a entrambi le reti fornendo gli assist decisivi. I bianconeri si sono portati in vantaggio già dopo soli 13′: l’ex milanista ha servito di piatto destro Jo che da pochi passi non ha lasciato speranze a Rogerio Ceni per l’1-0. La squadra di Cuca subito dopo va per due volte vicinissima al raddoppio: prima il colpo di testa di Bernard termina sopra la traversa, poi lo stesso numero 11 si fa respingere un bel tiro dal limite da Ceni e Diego Tardelli manca clamorosamente il bersaglio da due metri. Nella ripresa il San Paolo si fa subito vivo dalle parti di Victor col diagonale di Osvaldo che finisce di poco alto. L’estremo difensore di casa si supera poco dopo su un tiro a botta sicura di Luis Fabiano che va veramente vicino al pari. Il forcing della squadra di Ney Franco prosegue col tiro di Aloisio deviato in corner da Victor. Nel momento migliore degli ospiti arriva però inatteso il raddoppio dell’Atletico: al 73′ Ronaldinho porta a spasso Wellington poi offre una palla d’oro a Rever che di testa condanna nuovamente Ceni. Il gol degli ospiti arriva troppo tardi: a 7′ dalla fine Luis Fabiano (l’ultimo ad arrendersi) serve palla a Aloisio che sigla l’uno a due finale. Tre punti d’oro per l’Atletico Mineiro che nel gruppo 3 fa suo un derby veramente bello.

Esordio choc per il Boca Juniors nel girone 1: gli argentini, alla Bombonera, si sono dovuti arrendere al Deportivo Toluca che ha fatto sua l’intera posta in palio vincendo per 2-1. Eppure per gli uomini di Carlos Bianchi le cose non erano iniziate male: al 23′ l’arbitro peruviano Carrillo concedeva un penalty (fallo di Novaretti su Acosta) che Silva realizzava spiazzando Talavera con un potente collo destro. Nella prima frazione di gioco oltre al gol del Tanca succede poco altro: il Boca non cerca con troppa convinzione il raddoppio e i messicani restano ingabbiati dal robusto centrocampo gialloblu. Nel secondo tempo il Deportivo ha subito la possibilità di raddoppiare ma il tiro dagli undici metri (fallo di Burdisso, fratello minore del romanista, su Benitez) di Rodriguez è debole e centrale e Orion lo neutralizza senza difficoltà. Al 58′ Enrique Meza prova a raddrizzare il match sostituendo Baez e Santos con Lucas Silva e Esquivel. Il numero 11 ripaga la fiducia del tecnico appena 60” dopo siglando il pari con un bel destro al volo sul delizioso assist (fuorigioco errato della difesa di Bianchi) di Sinha. Lo stesso numero 10 ospite, al 73′, lancia sulla sinistra Benitez che supera nuovamente Orion con un perfetto pallonetto di sinistro. Due a uno sorprendente per il Toluca che conquista la vetta della classifica superando il duo Nacional-Barcelona (martedi notte pareggio per 2-2) e lasciando il Boca a quota zero.

Vittoria esterna con identico risultato anche per il Penarol: gli uruguaiani nel gruppo 4 hanno vinto in casa del Deportes Iquique. Allo stadio Tierra de Campeones gli ospiti allenati da Jorge da Silva (in campo anche l’ex juventino Zalayeta) ammutoliscono il pubblico di casa dopo 5′ minuti col gol di Estoyanoff. I cileni di Diaz provano a reagire ma la difesa uruguagia regge e Bologna non corre mai rischi seri. Il portiere argentino si arrende solo a inizio ripresa quando Puch semina scompiglio sulla sinistra e offre una palla d’oro a Villalobos che da pochi passi deposita in rete facendo esplodere il pubblico di Iquique. La gioia dei supporters di casa dura fino al 71′: Estoyanoff da bomber si trasforma in assistman e regala a Olivera una palla con cui il 31enne attaccante sigla il 2-1 beffando Naranjo in uscita. Il Penarol raggiunge in testa alla classifica l’Emelec che nella gara d’esordio ha superato il Velez Sarsfield.

Il terzo successo fuori casa è quello con cui il Fluminense, nel gruppo 8, ha vinto sul campo del Caracas. Ai brasiliani è bastato un gol del bomber Fred: il capitano della squadra di Abel Braga ha superato Baroja alla mezz’ora del primo tempo con un preciso destro che si è insaccato sul sette alla destra del portiere. Allo stadio Olimpico UCV l’occasione più ghiotta per i venezuelani di Bencomo capita sui piedi di Dani Cure: la rovesciata del numero 9 però è deviata da Cavalieri con un prestigioso scatto di reni a deviare in corner che vale come un gol. Stasera nello stesso girone match tra Gremio e Huachipato.

L’unica ‘x’ della serata è uscita fuori del gruppo 6 nella partita tra Real Atletico Garcilaso e Santa Fe. Allo stadio Inca Garcilaso de la Vega di Cusco sono gli uomini guidati da Gutierrez a portarsi in vantaggio quando al 15′ Arias serve palla a Martinez Borja che deposita in rete l’1-0 con un piatto destro imprendibile per Carranza. Il meritato pari per i padroni di casa allenati da Garcia arriva al 75′: Bogado supera Vargas con una bellissima girata di testa dalla distanza finalizzando al meglio il preciso cross di Ramos. Questa notte Deportes Tolima e Cerro Porteno in Colombia cercheranno i tre punti che significano la testa della classifica. ECL AMERICA

©LECHAMPIONS.it. Tutti i diritti riservati/All rights reserved.