Jakob Orlov: doppietta nel 4-0 del Gefle all'Anorthosis
Jakob Orlov: doppietta nel 4-0 del Gefle all'Anorthosis
Jakob Orlov: doppietta nel 4-0 del Gefle all’Anorthosis

Imprese memorabili e eliminazioni shock. Lo spettacolo non è certo mancato nelle gare di ritorno del Secondo turno preliminare dell’Europa League 2013-14. La rimonta più clamorosa è quella portata a termine dal Gefle ai danni dell’Anorthosis, vincitore all’andata 3-0. Il 4-0 svedese matura nel finale, dopo che il primo tempo si era chiuso sull’1-0 per i padroni di casa grazie al gol di Jakob Orlov al 25′. Il 3-0 ottenuto all’andata è un margine che dà sicurezza all’Anorthosis, che controlla abbastanza agevolmente i timidi attacchi dei locali che dopo cinque minuti di fuochi d’artificio a inizio ripresa, lasciano spazio e iniziativa agli ospiti che in più occasioni impegnano Hedvall. L’1-1 è nell’aria, ma invece dal nulla arriva il 2-0 grazie a Faltsetas che al 67′ mette in gol una punizione. E’ la scossa che ci voleva: la partita si apre, l’Anorthosis cerca di segnare il gol che mette fine alle velleità dei padroni di casa, mentre il Gefle spinto dall’entusiasmo dei propri tifosi si lancia all’attacco senza più cautele, anche se fatica a creare occasioni da gol nitide. Ma, ancora una volta, tutto cambia in pochi attimi: all’86’ Orlov firma il 3-0 che significa supplementari. Alla ripresa del gioco il guardalinee blocca la punta cipriota Avraam in offside, quasi neanche il tempo di riposizionarsi che Dahlberg dall’altra parte del campo ha già segnato il 4-0! L’incredulità accomuna due squadre che giocano i minuti finali con stati d’animo opposti: alla disperazione cipriota fa da contrappunto l’euforia svedese, che si libera senza freni al fischio finale. Nel Terzo turno il Gefle se la vedrà con un avversario decisamente più abbordabile, come il Qarabag (che ha eliminato il Piast Gliwice).

Qualificazione storica anche per i lussemburghesi del Differdange 03 che eliminano l’Utrecht, pareggiando in Olanda 3-3 dopo aver vinto 2-1 all’andata. Il pareggio strappato nello stadion Galgenwaard, cancella l’exploit del centravanti di casa Jacob Mulenga, che con una tripletta aveva rimontato il provvisorio 1-0 di Er Rafik (a segno anche una settimana fa). Ma sul 3-1 gli olandesi anziché blindare la qualificazione franano: un rigore di Franzoni al 64′ e il gol di Bastos al 72′ regalano il 3-3 e il Terzo turno al Differdange. Prossimi avversari dei lussemburghesi i norvegesi del Tromso che, nonostante l’1-0 subito in Azerbaijan, hanno eliminato l’Inter Baki.

L’Utrecht non è la sola vittima eccellente del Secondo turno preliminare: fuori anche Sparta Praga (1-0 con l’Hacken), Rosenborg (1-1 in casa del St Johnstone, vincitori all’andata in Norvegia per 1-0) e IFK Goteborg (superato 2-1 dagli slovacchi del Trencin con doppietta del 22enne bomber nigeriano Fanendo Adi). Va decisamente meglio a Maccabi e Malmoe, che si divertono contro Khazar Lenkoran (8-0: doppiette di Abuhatzira e Rayo) e Hibernian (7-0: con sette marcatori diversi).

Nell’1-0 del Rubin Kazan sui serbi del Jagodina da segnalare l’esordio del 18enne Sardar Azmoun, 18enne promessa del calcio iraniano, entrato a venti minuti dalla fine al posto di Karadeniz. L’inizio di una carriera che in patria pronosticano molto luminosa. ECL EUROPA

©LECHAMPIONS.it. Tutti i diritti riservati/All rights reserved.