Matri con la maglia della Juve
Alessandro Matri
Alessandro Matri

L’imperativo è uno solo: non prendere sotto gamba l’impegno. Con Antonio Conte (oggi nuovamente in panchina anche in Champions dopo la squalifica) il problema probabilmente non esiste, ma è indubbio che aver ‘pescato’ il Celtic non è dispiaciuto alla Juventus. Questo ovviamente non significa aver già strappato il biglietto per i quarti di finale. Allora sì che gli ottavi si trasformerebbero in un insidiosissimo ostacolo. La Juve è sulla carta la favorita ma gli scozzesi (sabato vittoria esterna contro l’Inverness Caledonian Thistle per 3-1 nella Scottish Premier), soprattutto tra le mura amiche del Celtic Park, sono da rispettare. Non sono arrivate per caso infatto le vittorie ottenute contro Barcellona e Spartak Mosca nella fase a gironi e, oltrettutto, i 18 punti di vantaggio con cui spadroneggiano il campionato scozzese spiegano bene il brillante momento di Samaras e compagni. I bianconeri per l’attesa sfida non avranno a disposizione per infortunio Chiellini e De Ceglie ma recuperano Vucinic e Asamoah. Il primo ha assorbito la botta al ginocchio subita sabato scorso nel vittorioso match (2-0) con la Fiorentina, il secondo ha raggiunto in Scozia i compagni di squadra dopo aver disputato la Coppa d’Africa (il Ghana si è piazzato quarto) ed è a disposizione. Difficile comunque che Conte lo schieri dal 1′: più probabile un impiego nella ripresa se si ritenesse necessario. Il suo posto nella fascia sinistra a questo punto dovrebbe essere preso da Peluso che contro i viola ha fatto un’ottima partita. L’alternativa (molto improbabile) è Caceres con Bonucci spostato a sinistra e Marrone al centro della difesa. Stasera la casa del Celtic sarà una bolgia, Antonio Conte lo sa bene: “Dovremo stare molto attenti. Uno stadio con 60.000 spettatori a sostenerli sarà il dodicesimo uomo in campo per loro. Il Celtic è una buonissima squadra. Ha giocato in casa contro il Barcellona e ha vinto, e al Camp Nou ha perso solo al 94’: questa è la prova che ha valori importanti. Non sottovaluteremo di certo l’impegno. Abbiamo grande rispetto per loro, che sono tornati in Champions League questa stagione come noi. L’obiettivo principale è quello di continuare a crescere, maturare. La Champions è un sogno da accarezzare partita dopo partita e ora il nostro sogno è superare gli ottavi di finale. Non abbiamo particolari obiettivi, ma non ci poniamo limiti. Abbiamo un gioco e un’organizzazione e non ci snaturiamo di fronte a nessuno. Abbiamo grande rispetto per loro, ma non veniamo qui per difenderci, ma per fare la partita. Il Celtic è una squadra fisica, con giocatori prestanti, più alti della media. Segnano molto su calcio da fermo e dovremo fare attenzione, sono temibili sulle palle inattive. Noi abbiamo perso delle partite, ma sempre cercando di attaccare”.
Dovrà attaccare e cercare di vincere anche il Celtic, Neil Lennon ci crede: “Abbiamo fiducia prima di questa partita, tutto può succedere – ha detto l’allenatore dei biancoverdi -. Non si deciderà niente in 90 minuti. ci sono due partite; ti prepari per giocare 180 minuti. La Juventus ha attaccanti eccellenti come Vučinić, Quagliarella, Giovinco e Anelka. Hanno anche un centrocampo forte. Vidal sta giocando molto, molto bene. Marchisio è un giocatore di classe mondiale e ovviamente Pirlo è uno dei migliori al mondo. Hanno dei giocatori fantastici ma non dovrebbero sottovalutare il Celtic. Non siamo mai i favoriti, è così da inizio stagione. Juventus e Barcellona giocano in modo diverso, un calcio diverso. La Juve è molto forte difensivamente, molto ben organizzata. Sono costanti in campionato, e impressionanti in Champions League. Abbiamo lavorato duramente per prepararci. Affrontiamo una grande squadra e un grande allenatore. E’ molto stimolante mettermi alla prova contro la Juventus. In termini di motivazione non penso che i giocatori ne abbiano bisogno altra. E’ una delle più grandi partite della loro carriera. Essere agli ottavi dà molta visibilità al club. Siamo tutti molto emozionati e sono certo che la squadra sarà all’altezza”. L’armata Conte è avvisata. ECL EUROPA

Uefa Champions League 2012-13 / Andata Ottavi di finale – Glasgow, Celtic Park ore 20,45

Celtic-Juventus

Possibili formazioni

CELTIC: Forster; Lustig, Wilson, Mulgrew, Izaguirre; Brown, Wanyama, Ledley, Commons; Samaras, Hooper. All. Lennon
JUVENTUS: Buffon; Barzagli, Bonucci, Caceres; Lichtsteiner, Vidal, Pirlo, Marchisio, Peluso; Vucinic, Matri. All. Conte
Arbitro: Undiano (Spagna)

Il programma dell’andata degli ottavi di finale

Martedi 12/02/2013
Celtic-Juventus
Valencia-PSG
Mercoledi 13/02/2012
Real Madrid-Manchester United
Shakhtar Donetsk-Borussia Dortmund
Martedi 19/02/2012
Arsenal-Bayern Monaco
Porto-Malaga
Mercoledi 20/02/2012
Milan-Barcellona
Galatasaray-Schalke 04

©LECHAMPIONS.it. Tutti i diritti riservati/All rights reserved.