Emmanuel Okwi (Simba)

Col 3-1 del Real Bamako sul Gamtel si completa il quadro degli ottavi di finale della Caf Confederation Cup 2012. Tra le 16 squadre promosse al turno successivo i nomi più prestigiosi sono quelli di Wydad Casablanca, Asec Mimosas e Club Africain, squadre che possono vantare almeno un successo nella Coppa Campioni africana.

Il Wydad Casablanca, dopo aver ribadito nel match di ritorno (4-1) che l’Invincible Eleven resta una squadra con un nome troppo impegnativo, se la vedrà negli ottavi proprio col Real Bamako. Una sfida decisamente alla portata dei marocchini, vincitori del massimo trofeo continentale nel 1992.
Gli ivoriani dell’Asec Mimosas, campioni d’Africa 1998, dopo aver superato nei sedicesimi l’Etoile Filante (doppietta di Seri nel 2-0 di Abidjan), se la vedranno negli ottavi col Codm Meknès, che non ha avuto problemi a superare i guineani del Séquence: 2-0 in trasferta e e 3-0 al ritorno in Marocco. Due gol nella prima mezzora (Bechikh e Massaoued su rigore) danno 2-0 e qualificazione al Club African contro gli etiopi del Saint George: i tunisini, vincitori della Coppa Campioni d’Africa 1991, negli ottavi affronteranno i Royal Leopards, che dopo l’1-1 dell’andata sono andati a prendersi la qualificazione in Congo in casa del Tshinkunku, siglando il 2-1 a dieci minuti dalla fine con Mthethwa.

Emmanuel Okwi (Simba)
Emmanuel Okwi al 93′ regala gli ottavi al Simba

Chi ha dimostrato di essersi davvero specializzato nel cambio di passo nel rush finale è il Simba. I tanzaniani (che all’andata avevano superato l’Es Setif 2-0 con due gol negli ultimi tredici minuti) sono rimasti in dieci dal 35′ per l’espulsione di Juma Nyoso. Seppure in trasferta e in inferiorità numerica, il Simba è riuscito a trovare il gol qualificazione nel return match in Algeria con Emmanuel Okwi al 93′, dopo che i padroni di casa conducevano 3-0 dal 52′: doppietta di Aoudia, che poi ha perso conoscenza dopo un’uscita violentissima del portiere tanzaniano in occasione del terzo gol di Benmoussa. Prossimi avversari del Simba i sudanesi del Al Ahli Shendi, che hanno superato 2-0 il Ferroviario Maputo con un gol per tempo di Eltayeb. L’altra sudanese qualificata è l’Amal Atbara: 0-0 contro l’Hwange in casa dopo l’1-1 strappato in Zimbabwe.

Con due reti nella ripresa di Atulewa e Okoyoh i Warri Wolves hanno messo fine all’aventura del FC Kallon: i nigeriani affronteranno i Black Leopards, autori dell’eliminazione del Saint Eloi Lupopo. L’altra nigeriana rimasta in corsa è l’Heartland che tra le mura amiche del Dan Anyiam di Owerri ha rischiato l’eliminazione per mano dell’Unisport Bafang: nessun gol all’andata a Douala, nel ritorno vantaggio nigeriano di Umar al 50′ e pari ospite al 79′ di Fardice, con Ogbu che sigla il gol qualificazione in pieno recupero. I nigeriani se la vedranno col Leopard che ha firmato la sorpresa della giornata, eliminando i tunisini del Cs Sfaxien (vincitori di tre edizioni della Confederation cup) dopo aver perduto 2-1 in casa il match di andata. Il protagonista dell’impresa congolese è Eric Nyamba, che al 43′ porta in vantaggio gli ospiti e al 78′ trova il gol qualificazione.

Gli angolani dell’Interclube Luanda superano 6-5 ai calci di rigore il Tana, dopo che nei regolamentari Joel e Moco avevano pareggiato il 2-0 subito in Madagascar. Ultimo ottavo quello tra gli egiziani dell’Enppi (4-1 sul Lydia Ludic Burundi Academic) e Cercle Olympique Bamako (3-1 sul Renaissance). ECL AFRICA

©LECHAMPIONS.it. Tutti i diritti riservati/All rights reserved.