Davor Vugrinec (NK) © 2011 LC. All rights reserved.

Duff e Vugrinec: l’Europa degli evergreen

Davor Vugrinec (NK)
Davor Vugrinec, l'ex giocatore del Lecce in gol per il Varazdin NK

Tempo di preliminari, tempo di goleade. La segnatura di Igor Voronkov all’11’, nell’1-1 tra Minske Olimpik-Şüvälan PFK, è stata la prima marcatura dell’Europa League 2011-12.
Un torneo che al primo turno preliminare si apre, come di tradizione, con risultati roboanti, che evidenziano il divario che ancora esiste tra i vari campionati europei. Tante le partite senza storia.
Nel 6-0 casalingo dei serbi del Rad ai sammarinesi del Tre Penne, da registrare la doppietta di Marko Stanojevic e l’espulsione tra gli ospiti del capitano Manuel Francesconi al 53′, quando la partita era già sul 5-0. Nel 5-1 del NK Varazdin sugli andorrani del Lusitans, doppietta di Safaric e gol finale di Davor Vugrinec, che corona l’ottima prestazione del 36enne ex Lecce, Atalanta e Catania.
I norvegesi del Tromso mettono a segno la vittoria in trasferta più larga, superando 5-0 il Daugava con doppietta di Magnus Andersen. Tra gli altri successi esterni spiccano il 4-1 del Rabotnicki a Tallin sul Trans; il 4-0 del Qarabag sul Banga in Lituania, con due reti di Nadirov; il 3-1 degli albanesi del Flamurtari in casa del Buducnost Podgorica; il 3-1 degli islandesi del KR sull’IF: la rappresentante delle Far oer si era illusa di poter vincere il derby delle isole più a nord d’Europa grazie al gol all’8′ di Lakjuni, ma la riposta degli ospiti con le reti di Finnbogason al 22′, Gunnarsson al 30′ e Sigurdsson al 79′ è stata tale da non lasciar speranze in vista del ritorno.
Esordio vincente (ma c’erano dubbi?) per Martin Jol sulla panchina del Fulham. A Craven Cottage i londinesi hanno superato 3-0 il NSÍ Runavík con reti di Duff, capitan Murphy su rigore e del redivivo Andy Johnson. Sono le firme più prestigiose di questo primo turno, e non è un caso: per l’esordio europeo il tecnico olandese ha mandato in campo ben otto giocatori (tra cui Bobby Zamora e Mark Schwarzer) che erano scesi in campo nella finale di Europa League di due stagioni fa, persa ai supplementari dal Fulham guidato da Roy Hodgson. Un modo per onorare l’avversario e la competizione. Tre gol a zero anche per il Ferencvaros sull’Ulisses: György Jozsi, Otten e Felipe i goleador per gli ungheresi. Un gol per tempo nel 2-0 della Dinamo Tbilisi sul Milsami, firmato da Kvekveskiri al 4′ e Lekvtadze al 71′. Un gol di Stéphane Da Cruz a cinque minuti dalla fine aveva illuso i lussemburghesi del Käerjéng di poter strappare uno storico successo ai danni degli svedesi dell’Hacken, qualificati attraverso il premio Fair Play; ma il gol del capitano scandinavo Mattias Östberg al terzo minuto di recupero ha salvato la faccia agli svedesi e negato il trionfo ai padroni di casa. ECL EUROPA

©LECHAMPIONS.it. Tutti i diritti riservati/All rights reserved.