Al Hilal e Giovinco campioni d’Asia 2019

Terza Champions League per l’Al Hilal, prima per Sebastian Giovinco. Il 2-0 ottenuto dagli arabi al Saitama Stadium regala il primo alloro continentale all’eroe dei tre mondi italiano, che dopo aver giocato la Champions europea con la maglia della Juventus, aver raggiunto e perso la finale Concacaf con Toronto, è riuscito finalmente a trionfare nell’Afc Champions League, laureandosi campione d’Asia 2019. Nella rivincita della finale 2017, che aveva i Red Diamonds prevalere di misura sull’Al Hilal, la “formica atomica” non finisce nel tabellino marcatori ma è suo l’assist che al 74′ ha messo Al Dawsari in condizione di sbloccare il risultato del match di ritorno. Rete che spezza l’equilibrio e mette fine alle speranze nipponiche di ribaltare l’1-0 patito in Arabia due settimane fa. In pieno recupero al 93′ gli ospiti raddoppiano per merito di un’altra vecchia conoscenza del calcio europeo, l’ex Lione Bafetimbi Gomis, che da distanza ravvicinata sigla il 2-0 finale per gli uomini di Rzvan Lucescu. Per il figlio di Mircea, un trionfo che aiuta a uscire dal cono d’ombra del padre-mito: nel palmares smisurato dell’attuale ct della Turchia, infatti, nessuna Champions.
Con l’Al Hilal si completa il quadro delle partecipanti al Mondiale per club 2019, che si terrà in Qatar dall’11 al 21 dicembre. Oltre all’Al Sadd, campione nazionale del Qatar, paese ospitante,  parteciperanno in rappresentanza delle sei confederazioni continentali: Monterrey (Concacaf), Hienghene Sport (Ofc), Liverpool (Uefa), Esperance Tunisi (Caf), Flamengo (Conmebol) e, buon’ultima, Al Hilal (Afc). LECHAMPIONS ASIA

AFC Champions League 2019 – Finale di ritorno / Saitama, Saitama Stadium 2002

URAWA RED DIAMONDS-AL HILAL 0-2 (0-0)

Urawa Red Diamonds: Nishikawa, Makino, Suzuki, Iwanami, Hashioka, Aoki (Abe 88′), Fabricio (Sugimoto 71′), Ewerton, Nagasawa (Kashiwagi 63′), Sekine, Koroki. Allenatore: Otsuki
Al Hilal: Abdullah Al Maiouf, Al Shahrani, Jang Hyun-Soo, Al Burayk (Al Hafith 80′), Ali Albulayhi, Carrillo, Al Faraj, Al Dawsari, Otayf (Al Shalhoub 94′), Gomis, Giovinco (Kanoo 80′). Allenatore: Lucescu

Arbitro: Valentin Kovalenko (Uzbekistan)
Reti: Al Dawsari 74′, Gomis 93′
Ammoniti: Makino, Iwanami, Aoki, Sekine.