Auckland-Dragon 1-3

Auckland-Dragon 1-3Che sorpresa! La matricola Dragon sbanca Auckland in rimonta, infliggendo un duro 3-1 ai campioni d’Oceania e riaprendo giochi e scenari per tutti. Il successo esterno dei tahitiani in casa dei neozelandesi è un risultato storico non solo per il Dragon ma per l’intera competizione. L’Ofc Champions League ha tante qualità ma tra queste non ci sono i colpi di scena. I rapporti di forza tra le varie squadre sono ben definiti e l’Auckland City, vincitrice delle ultime due edizioni e in testa al girone B a punteggio pieno dopo tre gare, non poteva certo temere il Dragon. Una superiorità certificata nel primo tempo dalla supremazia territoriale dei neozelandesi, che sbloccavano il risultato allo scadere della frazione con un rigore trasformato da Adam Dickinson. Il gol dei padroni di casa si rivelerà un boomerang per l’Auckland che nella ripresa cede campo e iniziativa al Dragon, aggressivo nel pressing e bravo nel convertire in rete le occasioni create nell’ultimo quarto d’ora di gara. Al 76′ Teaonui Tehau firma il pareggio tahitiano, seguito otto minuti più tardi dall’autogol di capitan Vicelich che regala l’inatteso ma meritato vantaggio ospite. Un gol che rivela un’insospettabile fragilità dei campioni in carica, che subiscono addirittura il 3-1 nei minuti di recupero grazie a Sylvain Graglia. Nonostante la debacle interna Auckland mantiene il comando nel girone B con due lunghezze di vantaggio sul Dragon e sui concittadini del Waitakere United, vincitori 3-1 sul fanalino di coda Mont Dore, penalizzato dall’espulsione al primo minuto di Kenon, seguita dalla trasformazione del penalty da parte di Palmer per i neozelandesi.

Nel girone A prosegue la corsa a due di Ba e Amicale, coi primi che superano 5-0 i Solomon Warriors (tripletta di Issa) e i secondi che regolano 2-0 l’Hekari United. La classifica vede le due vincitrici di giornata appaiate in testa a quota dieci con ben nove punti di vantaggio su Warriors e Hakari. La prossima giornata offrirà lo scontro diretto tra le due capolista, utile a definire l’ordine di ingresso in semifinale: la prima affronterà la seconda dell’altro girone, con l’ulteriore vantaggio del ritorno sul campo amico. ECL OCEANIA

©LECHAMPIONS.it. Tutti i diritti riservati/All rights reserved.