Samuel Eto'o

Ci penserà Samuel Eto’o a dare un tetto a Norbert Owona, ex capitano del Camerun negli anni 60 e 70. Le condizioni del 67enne Owona, purtroppo comuni a quelle di altri vecchi nazionali camerunesi, sono state portate a conoscenza dell’ex centravanti del Barcellona e dell’Inter del triplete, grazie a un documentario tv di Equinoxe Television, che la scorsa settimana ha mostrato il triste presente del vecchio campione, senza casa e incapace di permettersi i medicinali necessari per far fronte ai problemi di salute.
La notizia, data dallo stesso Owona pochi giorni dopo la proiezione del documentario, è che Eto’o ha promesso di comprargli casa e assicurargli quell’assistenza che gli era stata negata dal governo. Un gesto di generosità che riporta Eto’o agli onori della cronaca, nel mezzo di un lungo oblio calcistico, cominciato con l’addio all’Inter nel 2011. Un tramonto infinito che sembra quello dei pugili incapaci di abbandonare il ring, che si arricchirà presto di un nuovo (remunerativo quanto non entusiasmante) capitolo in Qatar, che segue quelli in Turchia e in Russia, intervallati dai cameo in Inghilterra e in Italia con le maglie di Chelsea, Everton e Sampdoria. Stagioni che hanno aggiunto ben poco alla gloriosa carriera di quella che resta una leggenda vivente del calcio africano. LECHAMPIONS AFRICA

, ,