Seconda partita e secondo successo per lo Strongest nella fase a gironi della coppa Libertadores 2012. I boliviani hanno trovato un importante successo in rimonta sul Juan Aurich, arrivato a La Paz con l’obiettivo di portare a casa almeno un pareggio. E le cose per la squadra allenata da Umana stavano andando addirittura oltre le più rosee aspettative. Al 22′ infatti una clamorosa papera dell’estremo difensore Vaca (su calcio di punizione di John Jairo Valencia da metacampo!), portava inaspettatamente in vantaggio gli ospiti ammutolendo i tifosi dello stadio Hernando Siles. Lo shock dei ragazzi guidati da Soria dura però pochissimo: dopo appena quattro minuti Gonzalez pareggia i conti perfezionando in rete un delizioso assist di Soliz, bravo a scavalcare la linea difensiva ospite e a mettere il numero 9 cileno davanti a Penny. La rete che regala il primato solitario nel gruppo 1 allo Strongest (con buona pace per ora per due colossi come Internacional e Santos, derby per loro il prossimo 8 marzo) arriva a dieci minuti dal triplice fischio grazie a Escobar che, servito da Ojeda, lascia partire un gran destro da fuori area contro cui nulla può il numero uno ospite.

Vladimir Marin
Marin, protagonista contro il Lanus

Due a uno è anche il risultato con il quale l’Olimpia ha trovato i primi tre punti nel gruppo 2 superando a sorpresa il Lanus tra le mura amiche dello stadio Dr. Nicolas Leoz di Asuncion. Gli argentini di Schurrer (1-1 nel match d’esordio col Flamengo) vanno in svantaggio al 25′ in modo rocambolesco: la punizione calciata da Marin da posizione defilata, non viene impattata da nessuno in area e va a finire dentro la rete beffando Marchesin. Ospiti nervosi (alla fine si contano ben sei gialli per loro) che tirano un sospiro di sollievo a venti minuti dalla fine grazie a Romero: dribbla due difensori in area e serve la palla a Araujo che dal limite lascia partire un piatto destro imparabile per Silva.  La ‘x’ però non rimarrà il segno finale: è l’80’ quando una perfetta triangolazione tra Biancucchi e lo scatenato Marin mette il numero sette argentino davanti all’estremo difensore di Pelusso che deve arrendersi nuovamente.
Il Lanus resta quindi a quota uno in classifica e cercherà riscatto il prossimo 13 marzo quando ospiterà l’altra capolista Emelec che quattro giorni prima sarà impegnata nella difficile trasferta contro il Flamengo di Ronaldinho.

Deve ancora rimandare l’appuntamento con la prima vittoria invece l’Universidad Catolica. La squadra di Lepe, allo stadio San Carlos de Apoquindo, inciampa infatti sul Junior Barranquilla che strappa un ottimo 2-2 esterno. A Santiago del Cile i padroni di casa passano in vantaggio al 19′ con Felipe Gutierrez che, con una girata da distanza ravvicinata, sfrutta al meglio la punizione di Trecco deviata leggermente dalla barriera. Dopo nemmeno dieci minuti è ancora lo stesso numero dieci cileno a raddoppiare con un piatto sinistro da posizione impossibile, dopo aver dribblato Viera in uscita. Uno-due pesantissimo per i colombiani che comunque non si perdono d’animo e al 52′ accorciano le distanze con il centrocampista tascabile Vladimir Hernandez: ricevuta palla dal fallo laterale di Ruiz, infila un Toselli non impeccabile con un bel tiro al volo di sinistro. I ragazzi di Jose Hernandez acquistano fiducia e vanno alla ricerca di un insperato pari che arriva al 61′ grazie a Quinones, abile a sfruttare al meglio un bel lancio dalla tre quarti di Narvaez. L’Universidad Catolica ora cercherà la prima vittoria nel gruppo 3 il prossimo 7 marzo nell’attesissimo derby contro la capolista a punteggio pieno Union Espanola: il tutto esaurito alla stadio Santa Laura è scontato. ECL AMERICA 

©LECHAMPIONS.it. Tutti i diritti riservati/All rights reserved.