Dario Conca (Guangzhou Evergrande)
Dario Conca (Guangzhou Evergrande)
Dario Conca (Guangzhou Evergrande)

L’ultima giornata della fase a gironi dell’AFC Champions League 2012 registra l’eliminazione dei Jeonbuk Motors, finalisti della scorsa edizione. Un’uscita di scena che cancella l’ottima reazione dei coreani al pesante esordio nel torneo. Dopo l’incredibile 1-5 contro il Guangzhou Evergrande seguito dal 5-1 patito in casa dei Kashiwa Reysol, i vicecampioni d’Asia erano riusciti a mettere insieme 9 punti in tre gare per iniziare la sesta giornata nella posizione di capolista del girone H. Una rimonta strepitosa. Nell’impegno casalingo contro i Kashiwa Reysol sarebbe bastato un pari per passare il turno e invece il Jeonbuk è riuscito a perdere 2-0 (Leandro Domingues al 48′ e Tanaka al 61′), venendo scavalcato in classifica dai giapponesi e dal Guangzhou Evergrande che è andato a strappare la qualificazione in Thailandia in casa del Buriram United. Dopo il vantaggio siglato da Lin Gao al 49′, il Guangzhou si faceva raggiungere sull’1-1 al 57′ da Domtaisong. Risultato che avrebbe garantito, nonostante la sconfitta, il passaggio del turno al Jeonbuk assieme al Kashiwa. Nel primo minuto di recupero l’arbitro australiano Strebre Delovski concede al Guangzhou un penalty che può valere un’intera stagione: sbagliare significa eliminazione, segnare vale addirittura il primo posto e il vantaggio del fattore campo negli ottavi di finale (che nella Champions asiatica si giocano in gara unica). Sul dischetto si presenta Dario Conca e ci vuole il suo coraggio: schierato in campo dal tecnico Lee Jang-soo, nonostante la società lo avesse messo fuori squadra per nove partite, punendolo per la reazione alla sostituzione nella sfida della 5a giornata di Champions contro il Jeonbuk, l’argentino ripaga la fiducia (debolezza?) trasformando il rigore e portando il Guangzhou agli ottavi.

Un doppio 3-0 garantisce il passaggio del turno nel girone G ai Nagoya Grampus Eight e al Seongnam. I giapponesi rifilano il tris al Central Coast Mariners, mentre i coreani campioni d’Asia 2010 liquidano il Tianjin Tada con i gol di Yoon Bit-Garam e Vladimir Jovancic (doppietta). Nel girone C il Sepahan passa al primo posto grazie al 2-1 sull’Al Ahli, col quale condivideva la testa del gruppo a inizio partita: decisivo per il successo iraniano il gol realizzato da Mohsen Bengar a sei minuti dalla fine. Nella sfide tra le ultime l’Al Nasr di Zenga supera 2-1 in rimonta il Lekhwiya ma non basta per evitare l’ultimo posto in classifica. Nel girone D l’Al Hilal supera 2-1 l’Al Gharafa e si garantisce il primo posto con una lunghezza di vantaggio sul Persepolis, vincitore 3-1 sull’Al Shabab. ECL ASIA

©LECHAMPIONS.it. Tutti i diritti riservati/All rights reserved.