Youssef Mskani (Lekhwiya)

Dejan Damjanovic (Seoul)Un pareggio e una goleada. Parte così la fase a gironi dell’AFC Champions League 2013. Il programma della 1a giornata viene aperto dalle due sfide del girone E. Il Buriram United, che aveva superato 3-0 ai calci di rigore il Brisbane Roar nel turno preliminare, è riuscito a strappare un pareggio in rimonta sul campo dei giapponesi del Vegalta Sendai. Un ottimo risultato per il club tailandese, l’ultima delle 32 squadre a qualificarsi per la fase a gironi. L’1-1 matura nella ripresa: al 52′ Yong-Gi Ryang porta in vantaggio i padroni di casa, trasformando un rigore provocato da un fallo di mano in area di Osmar Barba Ibanez. Il difensore spagnolo si riscatta a un quarto d’ora dalla fine quando firma con un bel colpo di testa l’1-1 per la formazione ospite. In testa al girone il Seoul, che liquida con un perentorio 5-1 i cinesi del Jiangsu Sainty. La cinquina coreana registra le doppiette di Damjanović e Il-Lok Yun e rete finale dell’ottimo Mauricio Molina; gol della bandiera cinese siglato a dieci minuti dalla fine da Salihi.

Nel girone B, tra le mura amiche del Paxtakor Markaziy Stadion, il Pakhtakor supera di misura l’Al Ittifaq con un gol di Abdukholikov al 73′. Youssef Mskani (Lekhwiya)Ma sul risultato pesa in modo determinante l’errore dagli undici metri commesso da Al Shehri che al 62′ ha mancato l’opportunità di portare in vantaggio gli ospiti. Nell’altra sfida del girone vittoria in rimonta per i qatarioti del Lekhwiya sull’Al Shabab Dubai: il brasiliano Edgar Silva trova il gol per gli ospiti al 10′, ma dieci minuti più tardi Soria firma l’1-1 e al 33′ Youssef Msakni sigla il gol vittoria per la squadra di casa, con una punizione dalla sinistra spedita sotto l’incrocio nell’angolo opposto a quello di tiro. L’approdo di Msakni in Asia conferma la cecità di molti osservatori europei: il 22enne attaccante tunisino aveva già dato, con la maglia dell’Esperance Tunisi, ampie prove di essere un talento raro. Nelle mani di un allenatore capace, in campionati competitivi, Msakni ha il potenziale per imporsi come una stella di prima grandezza, rischia invece di trasformarsi in un “animale da circo”: grandi colpi ad effetto ma poca continuità. Sarebbe un peccato, perché questo ragazzo ha tutto: dribbling, tiro, corsa, velocità.

Parte bene nel girone F il Guangzhou Evergrande di Marcello Lippi. I campioni di Cina superano 3-0 l’Urawa Reds con reti dell’ex Borussia Dortmund Lucas Barrios, Muriqui e autogol di Suzuki a tempo scaduto. I Jeonbuk Motors si fanno rimontare due volte nella trasferta in Tailandia in casa del Muang Thong United. I vicecampioni d’Asia 2011 si portano in vantaggio al 5′ su rigore con Dong-Gook Lee, ma si fanno raggiungere, sempre dagli undici metri, da Durovski allo scadere della prima frazione. Nella ripresa i coreani si riportano avanti a 13 minuti dalla fine col belga Kevin Oris, ma un autogol di Hyuk Jung all’89’ fissa il punteggio sul 2-2.

Vittorie nel girone A per gli iraniani del Tractor Sazi sull’Al Jazira (3-1) e dell’Al Shabab sull’El Jaish (2-0). ECL ASIA

©LECHAMPIONS.it. Tutti i diritti riservati/All rights reserved.