Bayern Monaco-Manchester City 2-3

Bayern Monaco-Manchester City 2-3Una sconfitta indolore, quasi salutare. Il Bayern Monaco interrompe la striscia positiva di 10 vittorie consecutive in Champions League (record stabilito due settimane fa) facendosi superare in casa 3-2 dal Manchester City. Un risultato inimmaginabile dopo 12 minuti, quando Thomas Muller e Mario Gotze avevano portato i bavaresi sul 2-0. Reduci dal 7-0 in campionato in casa del Werder Brema, con la qualificazione agli ottavi già assicurata e col Mondiale per club alle porte, i campioni d’Europa hanno avuto un comprensibile rilassamento. E il City ne ha approfittato, mettendo insieme una sorprendente rimonta che ha portato gli inglesi a espugnare l’Allianz Arena. Il 3-2 della squadra di Pellegrini arriva grazie alle reti di David Silva al 28′, Kolarov su rigore al 59′ e James Milner al 62′. Con mezz’ora ancora da giocare gli ospiti avrebbero potuto osare qualcosa in più (se avessero avuto a mente regolamento e classifica) per siglare il quarto gol che avrebbe dato al City il primo posto nel girone D. Il ko interno impedisce al Bayern di diventare la sesta squadra nella storia del torneo capace di chiudere a punteggio pieno la fase a gironi, ma non preoccupa più di tanto Guardiola: “La sconfitta non è mai una cosa positiva però forse questo club, questa squadra e questo allenatore hanno bisogno di una sconfitta ogni tanto per ricordarsi quanto è difficile vincere in Europa e nella Bundesliga”. Grazie anche all’aiuto di una doppia superiorità numerica il Viktoria Plzen supera 2-1 in rimonta nell’ultimo quarto d’ora il Cska Mosca nella sfida delle ultime del gruppo D e si prende i sedicesimi di Europa League: decisivo il 2-1 di Wagner al 90′.

Cristiano Ronaldo (Real Madrid)Nel girone B la neve costringe l’arbitro Proenca a sospendere la sfida-spareggio tra Galatasaray e Juventus. Le due squadre, maltempo permettendo, si ritroveranno alla Turk Telekom Arena di Istanbul oggi alle 14. Si riparte dal minuto 31 con le squadre sullo 0-0. A Copenhagen invece vittoria per 2-0 del Real Madrid, con reti di Luka Modric e Cristiano Ronaldo. Il portoghese, pur sbagliando un rigore all’89’, diventa il primo giocatore nella storia del torneo a segnare 10 gol nella fase a gironi.

Il Manchester United aveva già assicurato la sua presenza agli ottavi con lo splendido 5-0 di Leverkusen, ma dopo un pari e due sconfitte interne di fila in campionato, gli uomini di Moyes avevano bisogno di un risultato positivo davanti al proprio pubblico. L’1-0 sullo Shakhtar Donetsk è arrivato grazie a un gol di Phil Jones al 67′, che condanna la squadra di Lucescu al terzo posto nel girone A e ai sedicesimi di Europa League, visto il contemporaneo successo del Bayer in casa della Real Sociedad (gol vittoria di Toprak al 49′).

Finisce il sogno del Benfica di poter giocare la finale della Champions 2014 davanti al proprio pubblico. La squadra di Jorge Jesus proseguirà in Europa League, ma esce dal torneo a testa alta dopo il 2-1 in rimonta sul Psg. Avanti con Cavani al 37′, i parigini s’illudono di poter ottenere il 15° risultato utile consecutivo in Champions. Lima su rigore al 45′ e Gaitan al 58′ capovolgono invece il risultato a favore del Benfica. i portoghesi, nonostante il successo sulla capolista del girone B e i 10 punti in classifica, devono però cedere il secondo posto all’Olympiacos (stessi punti ma migliore differenza reti). I greci si qualificano agli ottavi grazie al 3-1 sull’Anderlecht, al termine di una partita in cui, grazie anche all’arbitro tedesco Stark, si è visto di tutto: una doppietta di Saviola; tre rigori per la squadra di casa (due sbagliati – Saviola e Weiss – e uno realizzato al 95′ da Dominguez); tre espulsioni tra gli ospiti. ECL EUROPA

©LECHAMPIONS.it. Tutti i diritti riservati/All rights reserved.