Il Liverpool si prende Diogo dell’Atalanta

Niente da fare. Il Liverpool è ancora troppo avanti (lo si sapeva ma le diverse e importanti assenze lasciavano una flebile speranza) rispetto all’Atalanta. A Bergamo lo ha dimostrato rifilando una cinquina ai nerazzurri, quasi disorientati e irriconoscibili al cospetto dei reds, nella terza giornata della fase a gironi dell’UEFA Champions League 2020-21. La squadra di Klopp (9 punti in 3 match) si è sbarazzata agevolmente della Dea in un’ora di gioco grazie alla tripletta del 23enne attaccante portoghese Diogo Jota e alle reti dei più noti Salah e Mané. Chiara l’analisi del tecnico Giampiero Gasperini: “Loro andavano il doppio rispetto a noi. Non siamo più intensi come una volta”. Nel gruppo D l’Atalanta viene raggiunta (a quota 4 punti) dall’Ajax che ha vinto 2-1 sul campo del Midtyilland. Saranno proprio i lancieri i rivali per il secondo posto valido per un posto negli ottavi di finale. Larghissima vittoria in trasferta e punteggio pieno anche per il Bayern Monaco che nel raggruppamento A, dopo essere andato sotto in casa del Salisburgo, ha travolto gli austriaci per 6-2. L’uno a uno tra Lokomotiv Mosca e Atletico Madrid mette i campioni d’Europa in carica a +4 sulla squadra di Diego Simeone. L’altra squadra in volo in questa prima parte di fase a gironi è il Manchester City che ha piegato 3-0 l’Olympiacos Pireo e mantiene 3 lunghezze di vantaggio sul Porto vincente con identico parziale nel turno casalingo contro l’Olympique Marsiglia. L’altra nota stonata per i club italiani (stasera in campo Juve e Lazio) impegnati martedì sera è arrivata dall’Inter che nonostante una buona gara e due reti (Lautaro Martinez su assist favoloso di Barella e Perisic) perde in casa del Real Madrid. Allo stadio Alfredo Di Stefano il ko (3-2, di Benzema, Sergio Ramos e Rodrygo le reti dei blancos) per gli uomini di Antonio Conte è scaturito principalmente per grossolani errori difensivi. E ora la situazione nel gruppo B si complica. I nerazzurri sono infatti ultimi con soli 2 punti dietro ai madrileni di Zidane, allo Shakhtar Donetsk e alla nuova capolista Borussia M’gladbach che ieri ha ‘maltrattato’ gli ucraini per 6-0 (in evidenza Plea autore di una magica tripletta). Ci sono ancora tre partite a disposizione dell’Inter per ribaltare la classifica, bisogna vincerle. LECHAMPIONS EUROPA