Antonio Conte
Antonio Conte
Antonio Conte

Partita da dentro o fuori quella che la Juventus giocherà mercoledì sera a Torino contro il Copenaghen. La quinta giornata della fase a gironi di Champions League mette i bianconeri di fronte a un bivio molto stretto perchè se non battono i danesi le possibilità di qualificazione agli ottavi di finale saranno ridotte al lumicino. Non che ora siano tantissime: i campioni d’Italia occupano infatti l’ultima posizione nella classifica del gruppo B con appena tre punti, dietro alla coppia Galatasaray-Copenaghen che ne ha quattro. Lontanissimo e al sicuro il Real Madrid che viaggia a gonfie vele con 10; gli spagnoli allenati da Carlo Ancelotti al Bernabeu ospiteranno i turchi di Roberto Mancini e oltre ai propri tifosi nella vittoria (o al massimo nel pareggio) delle merengues spera anche la Juve. La squadra guidata da Antonio Conte deve assolutamente vincere per poter poi andare a giocare la sesta giornata a Istanbul con due risultati su tre a disposizione. Allo Juventus Stadium Buffon e compagni sono obbligati a riscattare il pari del match di andata disputato lo scorso settembre quando errori e poca sorte avevano lasciato l’amaro in bocca e provocato alcune polemiche.
“Mercoledì giochiamo una partita fondamentale e molto difficile, ma conterà solo vincere – ha detto l’allenatore bianconero nella conferenza stampa della vigilia -. Non c’è un domani, c’è oggi. Contro il Copenaghen dobbiamo vincere e questa è la mia serenità: abbiamo solo un risultato”. Conte per la difesa recupera Ogbonna e Bonucci (assenti per squalifica nell’ultimo match di campionato vinto 2-0 in casa del Livorno) ma dovrà fare a meno dell’infortunato Barzagli che probabilmente recupererà per la gara contro l’Udinese. In avanti confermatissima la coppia Tevez-Llorente: “Carlitos sta confermando di essere un grandissimo campione, Fernando sta facendo bene ha avuto la forza di credere nel lavoro e nel sacrificio, è un calciatore completo e moderno e se continua così andrà sicuramente ai Mondiali. Loro adesso sono la coppia titolare ma non dimentico anche gli altri attaccanti con cui abbiamo vinto”. Dopo la squalifica comminata per due turni di serie A, i tifosi delle curve dello Stadium hanno minacciato lo sciopero del tifo, Conte lo esclude: “Non sono preoccupato perché penso che non ci sarà. I tifosi sono il cuore pulsante dello Stadium e coloro che ci hanno spinto a raggiungere traguardi incredibili, non penso che mercoledì ci abbandoneranno in un momento così importante per la Juve”. Una esplicita richiesta a cui non si può dire no. ECL EUROPA

©LECHAMPIONS.it. Tutti i diritti riservati/All rights reserved.