Neymar e Ronaldo
Neymar e Ronaldo
Futuro e passato del Brasile: Neymar e Ronaldo

Lui dice “Sto bene al Santos e voglio restare ancora a lungo”, gli altri insistono “Devi giocare in Europa”.
Consigli impossibili da ignorare per Neymar, vista la provenienza: Mano Menezes, ct del Brasile, e Ronaldo, ex centravanti della nazionale brasiliana.
L’invito a trasferirsi espresso la settimana scorsa dal commissario tecnico verdeoro aveva sorpreso tutti, perché si pensava che Menezes fosse una delle figure chiave dietro la scelta del giovane asso del Santos di prolungare il contratto con il club bianconero, rinviando a dopo il Mondiale 2014 il passaggio in Europa (Barcellona). Così non era, e all’invito del tecnico segue ora quello di Ronaldo. Un mito per gli attaccanti dell’ultima generazione che parla per esperienza personale, avendo lasciato il Cruzeiro per il PSV Eindhoven nel 1994 a 17 anni. “A livello di club il calcio brasiliano sta crescendo e si vede sia in campionato che nelle coppe internazionali, ma non è ancora al livello di quello europeo. Se Neymar vuole crescere deve andare lì”. Il Fenomeno spiega perché questo passaggio deve essere favorito e non ritardato: “Neymar è il nostro miglior talento. Ha il potenziale per raggiungere o superare Messi, ma se non va a giocare all’estero non potrà mai compiere questo salto. Impedirglielo sarebbe grave e molto egoista”. ECL AMERICA

©LECHAMPIONS.it. Tutti i diritti riservati/All rights reserved.