Fenedy Masauvakalo
Fenedy Masauvakalo, capitano dell’Amicale

Tre vittorie in trasferta e un pari. La prima giornata della fase a gironi dell’OFC Champions League 2013 comincia così, con la negazione del fattore-campo.

La caccia al terzo titolo consecutivo dell’Auckland City comincia con un 2-0 sul campo del Mont Dore campione della Nuova Caledonia. La squadra di casa, unica delle otto partecipanti alla fase a gironi ad essersi qualificata attraverso i Preliminari, ha tenuto testa ai campioni uscenti per poco più di un’ora. Ma la speranza del club francofono di uscire dallo stadio Numa Daly con almeno un punto svaniva al 61′ quando Gustavo Souto sbloccava il risultato per Auckland. Cinque minuti più tardi gli ospiti raddoppiavano dal dischetto con Dickinson, che trasformava il rigore concesso per l’atterramento del bomber catalano Manel Exposito. Il 2-0 ottenuto in Nuova Caledonia consente all’Auckland City di prendersi la testa del girone B con due lunghezze di vantaggio sui concittadini del Waitakere United, bloccati a sorpresa in casa sullo 0-0 dal Dragon, all’esordio assoluto nella Champions asiatica. Un mezzo stop per il Waitakere, che solo un paio di settimane fa aveva superato 4-3 Auckland ai supplementari in una memorabile finale del campionato neozelandese. Ma il Dragon si è rivelato avversario coriaceo: spesso barcollante mai al tappeto. I tahitiani devono anche ringraziare l’imprecisione degli attaccanti neozelandesi: almeno quattro le palle gol divorate dagli uomini di Marshall, che a fine gara ha fatto i complimenti agli avversari: “In certi momenti abbiamo dominato, non abbiamo mai corso pericoli però non siamo riusciti a segnare. Loro sono una buona squadra, sono praticamente la nazionale tahitiana e questo è un bene per il torneo”.

Nel girone A le due vittorie esterne portano in vetta Amicale e Ba. A Honiara c’era grande attesa tra i tifosi locali per il debutto nel torneo dei Solomon Warriors. I campioni delle Isole Salomone speravano in un esordio positivo per trovare slancio e entusiasmo necessari per recitare un ruolo di primo piano. Ma al 64′ Fenedy Masauvakalo, uno dei veterani della Champions oceanica, sblocca il risultato su punizione per l’Amicale. I campioni di Vanuatu raddoppiano a un quarto d’ora dal termine con Papa Gueye dagli undici metri. Il 2-0 è stato celebrato con grande entusiasmo dal tecnico ospite Richard Iwai: “L’Amicale non aveva mai vinto sul terreno del Lawson Tama. Questo è un risultato storico per il nostro club e l’abbiamo ottenuto contro un’ottima squadra”.

Partenza esaltante anche per i figiani del Ba che espugnano il PMRL Stadium di Port Moresby, infliggendo un sorprendente 3-1 all’Hekari United campione d’Oceania 2010. Chiusa la prima frazione in svantaggio grazie a un gol di Tiwa allo scadere, l’Hekari pareggia a inizio ripresa col solito Kema Jack. Ma proprio quando ti aspetti la risalita dei papuani, riemerge il Ba che si riporta avanti con Sanni Issa due minuti più tardi. In pieno recupero gli ospiti trovano addirittura il 3-1 con Tuimasi Manuca. A metà settimana si riprende con l’anticipo tra Solomon Warriors e Ba: per i “guerrieri” è già tempo di sentenze definitive. ECL OCEANIA

©LECHAMPIONS.it. Tutti i diritti riservati/All rights reserved.