Prestatyn Town festeggia il successo ai rigori sul Metalurgs

Prestatyn Town festeggia il successo ai rigori sul MetalurgsLa sorpresa si chiama Prestatyh Town. La formazione gallese, all’esordio assoluto in Europa grazie alla conquista della Coppa del Galles 2013, si è tolta la soddisfazione di mettere a segno il risultato più clamoroso delle 38 partite del Primo turno preliminare dell’Europa League 2013-14. Dopo aver perso 2-1 in casa una settimana fa contro il Liepajas Metalurgs, nessuno era pronto a concedere speranze di qualificazione al Prestatyh Town, un club che ha 103 anni di storia ma solo nel 2008 ha installato i riflettori sul campo di Bastion Road, condizione necessaria per poter essere ammesso alla Premier League gallese. In Lettonia ci si aspettava una goleada della squadra di casa e l’1-0 firmato dopo 17 minuti da Afanasjevs sembrava il primo di una lunga serie. In realtà la partita si addormenta sino al 62′ quando viene espulso per somma di ammonizioni il difensore lettone Zirnis. La superiorità numerica dà coraggio agli ospiti, che però faticano ad approfittarne. Per il Metalurgs si tratta solo di attendere il fischio finale. Poi nei tredici minuti finali il Prestatyh Town fa più di quel che è riuscito a fare in 103 anni: al 77′ Ross Stephens trova l’1-1 e al 91′ Neil Gibson firma il 2-1 che manda la partita ai supplementari. Shock da una parte, esaltazione dall’altra. Si arriva ai rigori: Kalns e Ikaunieks sbagliano per la squadra di casa, mentre i gallesi li segnano tutti. Festa grande per i ragazzi di Chris Hughes, che nel Secondo turno se la vedranno coi croati del Rijeka.
Vittorie ai calci di rigore anche per il Tiraspol sullo Skonto Riga (4-2 dopo aver segnato l’1-0 all’80’ con Zarichnyuk che annullava la sconfitta interna della settimana scorsa) e per il Turnovo, che ha superato 5-4 il Suduva, dopo aver pareggiato nei regolamentari il 2-2 dell’andata grazie a un penalty trasformato da Blazhevski al 97′ (!). Passano il turno con parecchia sofferenza anche il Malmoe (2-0 sul Drogheda United con due reti sul finire delle due frazioni firmate da Forsberg e Kroon) e l’IBV di David James che va a vincere 1-0 in casa dell’HB grazie a un discusso rigore trasformato da Bergsson al 91′.
Un penalty a tempo scaduto firma anche l’eliminazione del Videoton. I finalisti della Coppa Uefa 1984-85, vincitori all’andata 2-1, subiscono l’1-0 dei montenegrini del Mladost al 92′ per merito di Knežević che trasforma il rigore concesso dal belga Efong Nzolo. Andamento simile anche a Turku dove i padroni di casa dell’Inter vengono eliminati dal Vikingur: Jacobson al 78′ trasforma il rigore dell’1-0 per il club delle Far Oer, mentre due minuti più tardi per l’Inter Bowman spara sul palo il rigore del possibile 1-1 che avrebbe mandato la partita ai supplementari.
Vincono di goleada invece Gefle (5-1 sul Trans), Botev Plovdiv (5-0 sull’Astana), Dinamo Minsk (5-0 sul Kruoja), Rosenborg (7-2 sui Crusaders) e Honved (9-0 sul Celik).
I norvegesi del Tromso, sconfitti in casa all’andata 2-1, vanno a prendersi la qualificazione in Slovenia superando 2-0 il Celje.
Primo turno positivo per le rappresentanti del Lussemburgo con due qualificate su tre: avanti Jeunesse Esch e Differdange, fuori il F91 Dudelange. ECL EUROPA

©LECHAMPIONS.it. Tutti i diritti riservati/All rights reserved.