Marcello Lippi espulso“Cercheremo di vincere”. Così Marcello Lippi prima del match, memore del confortante 3-0 rifilato ai Reds all’andata, nella partita d’esordio stagionale nella competizione. Ma al Guangzhou basta anche un pareggio o perdere con meno di tre gol di scarto per ottenere la certezza della qualificazione alla fase a eliminazione diretta. Discorso diverso per i giapponesi: privi della giovane stella Haraguchi – fuori per l’infortunio rimediato nell’ultimo match di J League -, devono cercare i tre punti per aumentare le chance di passaggio del turno.
Al Saitama Stadium il Guangzhou impone subito il suo gioco, segnalando la sicurezza di chi conosce la propria forza. Fin qui non è una gran partita: ritmi lenti e squadre attente bloccano il match in una fase di studio prolungata. Il colpo di scena arriva al 24’, quando Richardes si lascia cadere in area e l’arbitro regala un calcio di rigore ai Reds. Dagli undici metri va Abe, che però sbaglia angolando troppo il suo destro. Palla sulla parte interna del palo di sinistra e punteggio invariato.
Pochi minuti più tardi potrebbe essere il Guangzhou a passare in vantaggio, ma il tiro di Muriqui, servito perfettamente per via centrale, è deviato prodigiosamente da Kato. Il break arriva al 36’, quando Barrios segna il vantaggio per il Guangzhou: Muriqui è bravo a rubar palla a centrocampo, sorprendendo la difesa giapponese e lanciando il compagno che supera Kato e appoggia comodamente in rete.
Gli Urawa potrebbero pareggiare allo scadere del primo tempo: sulla sinistra Makino prova a piazzarla rasoterra, deviazione del portiere cinese Zeng Cheng e l’accorrente Richardes manca di un soffio il tap-in vincente. L’1-1 è rimandato solo di qualche minuto: i Reds segnano poco dopo l‘inizio della ripresa, con Koroki che si fa trovare pronto alla deviazione sulla respinta di Zeng Cheng e insacca il suo primo gol stagionale nell’AFC Champions League 2013. I giapponesi, ora molto più determinati, raddoppiano al 63’: Abe si fa perdonare l’errore dal dischetto, concludendo in rete un buono scambio con l’esterno Makina.
Poco dopo l’arbitro concede un altro penalty agli Urawa e la squadra giapponese può consolidare il suo vantaggio. Stavolta è Richardes a presentarsi per la battuta: il brasiliano non fallisce calciando forte e angolato a sinistra il rigore del 3-1.
Già in grande difficoltà, per il Guangzhou la situazione peggiora quando Lippi si guadagna un’evitabile espulsione per il calcio a una bottiglietta a bordo campo. La squadra cinese fa comunque in tempo ad accorciare le distanze con Muriqui, che all’87’ devia in rete sugli sviluppi di un calcio da fermo. Non è abbastanza, gli Urawa Reds vincono 3-2 grazie a una grande prova di carattere e si portano a quota 7 punti nel gruppo F. Guangzhou agli ottavi ma senza la certezza del primo posto, discorso qualificazione rimandato all’ultima giornata per Urawa Reds: il distacco dal secondo posto resta infatti di due lunghezze, con il Jeonbuk salito a 9 punti grazie alla vittoria nell’altro match di giornata sul fanalino di coda Muang Thong United. ECL ASIA

AFC Champions League 2013 – 5a giornata fase a gironi / Saitama, Siatama stadium

URAWA RED DIAMONDS – GUANGZHOU EVERGRANDE 3-2 (0-1)

Urawa: Kato; Nasu, Makino, Moriwaki; Ugajin (Sekiguchi 85′), Yosuke, Richardes, Suzuki, Hirakawa, Abe (Yamada 87′); Koroki (Sakano 85′). Allenatore: Mihailo Petrovic
Guangzhou: Zeng Cheng; Zhang Linpeng, Feng Xiaoting, Kim Young-Gwon, Sun Xiang; Zheng Zhi, Conca, Zhao Xuri; Muriqui, Lucas Barrios, Gao Lin (Rong Hao 46′). Allenatore: Marcello Lippi

Arbitro: Torki Mohsen (Iran)
Reti: Koroki 52′, Abe 63′, Richardes 67′ rig.; Barrios 37′, Muriqui 87′
Ammoniti: Moriwaki, Suzuki, Yamada; Zhao Xuri, Zheng Zhi
Espulso: Zhang Linpeng (94′)

©LECHAMPIONS.it. Tutti i diritti riservati/All rights reserved.