Magomed Ozdoev (Zenit San Pietroburgo)

Si è chiusa (quasi, stasera l’importantissima Atalanta-Villareal ieri rinviata per campo innevato) con tanti colpi di scena la fase a gironi dell’UEFA Champions League 2021-22. Su tutti la qualificazione agli ottavi di finale fallita dal Barcellona. Non accadeva da 17 anni ed è stato frutto nel gruppo E del netto ko (3-0, cinquantesimo gol di Muller nella massima competizione europea, 8 dei quali siglati proprio ai blaugrana, nessuno meglio di lui in Champions) in casa del Bayern Monaco e del contemporaneo successo del Benfica (2-0) sulla Dinamo Kiev. La cura Xavi per ora non si vede e gli spagnoli ci tenteranno con l’Europa League. Insieme al Barca retrocedono nell’Europa minore anche le blasonate Borussia Dortmund, Porto, Zenit e la ‘specialista’ Siviglia. I tedeschi (ieri doppiette di Reus e Haaland nella passeggiata contro il Besiktas) nel raggruppamento C, stravinto a punteggio pieno dall’Ajax (ieri 4-2 allo Sporting Lisbona, Haller eguaglia Cristiano Ronaldo andando a segno in tutte le sei partite di fase a gironi, 10 reti totali per l’ex West Ham), cedono il passo allo Sporting Lisbona che prosegue l’avventura grazie alla migliore differenza reti. I portoghesi nel girone B hanno invece fatto meglio solo del Milan e quindi agli ottavi volano il Liverpool (2-1 a San Siro con Salah e Origi che rimontano Tomori) e l’Atletico Madrid autore di un nervoso (alla fine si contano 4 gialli e 3 rossi) e rocambolesco 3-1  proprio allo stadio Dragao. I russi di Zemak si regalano l’Europa League compiendo un mezzo miracolo con i campioni in carica del Chelsea fermati 3-3 (in pieno recupero il neo eontrato Magomed Ozdoev ammutolisce Tuchel con un destro da capogiro) a San Pietroburgo. Questo pareggio fa felice anche la Juventus che si ritrova prima nel gruppo H nonostante lo striminzito e opaco 1-0 col Malmoe da ricordare solo per l’assist di Bernardeschi e il gol di Kean. Gli spagnoli nel raggruppamento G invece escono sconfitti (1-0) dalla decisiva sfida in casa del Salisburgo che conquista la fase a eliminazione diretta insieme al Lilla vittorioso 3-1 sul campo del Wolfsburg.
Nel girone A ko indolore (2-1 a Lipsia, Europa League per gli uomini di Beierlorzer) del Manchester City che aveva già in cassaforte la qualificazione come prima davanti ai danni del PSG che ha travolto 4-1 (due gol a testa per Mbappé e Messi) il Club Brugge. Nel gruppo D il Real Madrid ha confermato la leadership con il facile 2-0 con l’Inter mentre in quello F il Manchester United si accontenta dell’uno a uno con lo Young Boys e prosegue l’avventura in Champions League insieme al Villareal che sbanca Bergamo (3-2, doppio Groeneveld) costringendo l’Atalanta di Gasperini (“Siamo partiti malissimo, peccato era alla nostra portata”)  all’Europa minore. LECHAMPIONS EUROPA

©LECHAMPIONS.it. Tutti i diritti riservati/All rights reserved.

,