Jorge Luis Burruchaga
Burruchaga, tecnico del Libertad

Roboante esordio per il Libertad nella fase a gironi della coppa Libertadores 2012: i paraguaiani hanno infatti superato 4-1 l’Alianza Lima.

Allo stadio Dr. Nicolas Leoz di Asuncion sono stati però i peruviani a cominciare col piede giusto e a trovare a sorpresa la rete del vantaggio. Al 28′ Arroé con un preciso piatto destro infila Munoz, finalizzando al meglio un micidiale contropiede partito dal centrocampo per un clamoroso errore della mediana di Burruchaga.

La grande rimonta dei bianconeri ha inizio al 47′ con Civelli bravo ad approfittare di una respinta del portiere Libman e a insaccare per l’uno a uno. Il vantaggio del Libertad arriva dagli undici metri grazie ad Aquino che realizza un penalty concesso dall’arbitro Martin Vazquez per un inesistente fallo sul neo entrato Caballero.
Con la squadra di Arrué sbilanciata in avanti in cerca del pari, i paraguaiani dilagano trovando il 3-1 col sinistro dal limite dello stesso Caballero e il definitivo poker con l’autorete di Ibanez. Risultato troppo severo per l’Alianza che nella prossima partita del gruppo 5 sarà impegnata in casa del Vasco da Gama, sconfitto a sorpresa nella prima uscita col Club Nacional: per entrambe le squadre la seconda giornata si presenta già decisiva.

Non sfrutta il turno casalingo l’Universidad Catolica, bloccata sull’uno a uno dal sorprendente Bolivar. Per il gruppo 3, allo stadio San Carlos de Apoquindo di Santiago de Cile, sono proprio i boliviani allenati da Hoyos a portarsi in vantaggio con Ferreira, che infila Toselli concretizzando al meglio contropiede e assist di  Campos.
Sempre con una perfetta ripartenza e solo sei minuti più tardi arriva il pari dei ragazzi di Lepe: dalla mezza luna Gutierrez serve un grande pallone sulla destra per Trecco, che beffa tre difensori del Bolivar servendo su un piatto d’argento la sfera a Ovelar bravo a ipnotizzare Arguello. Gli ospiti mantengono inviolata la porta nonostante i continui attacchi dei cileni e portano a casa un insperato punto che dà fiducia e entusiasmo per il prosieguo dell’avventura in Libertadores.

Esordio con vittoria nel primo gruppo per l’Internacional che nel match d’esordio si è liberato agevolmente per 2-0 del Juan Aurich. Dopo quasi mezz’ora di noia i brasiliani fanno esplodere lo stadio José Pinheiro Borba con il preciso diagonale di sinistro scoccato da Oscar su assist di Leandro Damiao. Con i timidi tentativi dei peruviani di Umana di trovare il gol del pari e l’amministrazione tranquilla del vantaggio della squadra di Dorival Junior, bisogna attendere il 90′ per l’ultimo sussulto del match: a pochi secondi dal triplice fischio ci pensano due panchinari, Joao Paulo (in campo dall’80’ al posto di Dagoberto) sferra un bolide di destro da trenta metri che Penny non trattiene e Datolo (sul terreno di gioco dal 75′ per Bolatti) realizza il 2-0 finale. Tutto fin troppo tranquillo per il club di Porto Alegre che il prossimo 8 marzo sarà impegnato nell’attesissimo derby di coppa contro il Santos di Neymar campione uscente.

Ha chiuso il programma di giovedi l’Emelec di Fleitas che vola in testa al gruppo 4 superando di misura l’Olimpia. A regalare i tre punti agli ecuadoriani nello stadio amico George Capwell ci ha pensato l’ex genoano Figueroa che al 50′ si è procurato e ha trasformato in gol (Silva spiazzato) un rigore concesso dall’arbitro Roldan. Poca esperienza internazionale e un’organizzazione approssimativa non hanno permesso ai paraguaiani di raddrizzare il match: la squadra allenata dall’uruguaiano Gerardo Pelusso avrà l’occasione di rifarsi il prossimo 23 febbraio quando al Defensores de Chaco di Asuncion è in programma il turno interno con gli argentini del Lanus che la prossima settimana attendono il Flamengo di Ronaldinho. ECL AMERICA

©LECHAMPIONS.it. Tutti i diritti riservati/All rights reserved.