Pato (Corinthians)
Pato (Corinthians)
Pato (Corinthians)

Arriva dopo il clamoroso stop interno col Deportivo Toluca la prima vittoria del Boca Juniors nella fase a gironi Coppa Libertadores 2013. Gli uomini di Carlos Bianchi hanno vinto in casa del Barcelona de Sarandì per 2-1 lasciando l’ultima piazza del gruppo 1 proprio agli ecuadoregni. Nell’infuocato match (ben 8 i gialli sventolati dall’arbitro brasiliano Vuaden) dello stadio Monumental di Guayaquil gli argentini costruiscono il successo nei primi 15′ del secondo tempo. Al 59′ Martinez ribadisce in rete un colpo di testa di Guillermo Burdisso, appena quattro minuti dopo Perez con un nuovo colpo di testa perfeziona al meglio la punizione di Colazo e Banguera è nuovamente battuto. La squadra di Costas accusa il colpo e riesce a svegliarsi solo nei minuti di recupero quando Arroyo (nella prima frazione annullato un gol per fallo di mano) sigla l’inutile gol-bandiera dal dischetto (fallo di Rodriguez su Paredes) per l’1-2 finale.

Con identico risultato il Fluminense ha superato fuori casa Huachipato dimenticando in fretta il brutto ko (3-0) contro il Gremio e ottenendo la prima posizione nel gruppo 8 a quota 6 punti. Eppure allo stadio Cap di Talcahuano le cose non erano cominciate bene per i ragazzi di Abel Braga. Dopo il clamoroso palo colpito a porta vuota (e da un metro!) da Wellington Nem su assist di Thiago Neves, i cileni di Pellicer trovano il vantaggio a fine primo tempo col bel gol del bomber uruguaiano Rodriguez bravo a beffare Cavalieri sul delizioso assist di Crovetto. I brasiliani, a differenza di quello (non) fatto nel derby, nella ripresa reagiscono. Prima Wellington si fa perdonare l’erroraccio nella prima frazione di gioco firmando il pari con un destro al volo su passaggio col petto di Fred, poi, al 76′, Wagner (da pochi secondi in campo per uno spento Deco) sigla la rimonta con un sinistro in diagonale imprendibile per Veloso.

C’è un’altra brasiliana che ride dopo i match della notte tra mercoledi e giovedi: è il Corinthians. I ragazzi allenati da Tite, dopo il deludente pari (1-1) nella gara d’esordio in casa del San José, hanno superato il Millonarios ottenendo il primo successo e la seconda piazza del gruppo 5 dietro al sorprendente (viaggia a punteggio pieno, due match due vittorie) Tijuana. A San Paolo (partita match a porte chiuse in seguito agli incidenti che si sono verificati nel match giocato in Bolivia dove, durante San Josè-Corinthians, un ragazzo di 14 anni ha perso la vita dopo essere stato colpito da un bengala lanciato dai tifosi brasiliani presenti allo stadio Jesus Bermudez) i colombiani di Torres (in inferiorità numerica dal 77′ per l’espulsione per doppia ammonizione esibito a Martinez, l’entrataccia su Renato Augusto meritava il rosso diretto) si sono arresi ai gol del bomber peruviano Guerrero (al 10′ Delgado incolpevole sulla sua girata al volo da pochi metri) e di Pato. L’ex milanista, dopo essersi divorato un gol nel primo tempo, si rifà nel secondo infilando Delgado con un sinistro imprendibile da distanza ravvicinata sull’assist di Danilo.

Due a zero è anche il parziale con cui il Deportes Iquique mette in cascina i primi tre punti nel gruppo 4 dopo i ko con Penarol e Velez (capoliste a quota 6 punti). Nella terza giornata gli ecuadoregni dell’Emelec (in dieci dal 79′ per il rosso a Achilier) allenato da Quinteros vanno al tappeto nei sette minuti che vanno dal 15′ e il 22′. Magistrale il fraseggio in occasione dell’1-0 dei cileni di Diaz: l’argentino Ereros conclude in gol battendo Dreer in uscita dopo il preciso passaggio di Ormeno. Ancora più bella l’azione personale con cui Villalobos, servito dall’assistman di giornata Ormeno, ubriaca due difensori ospiti e infila Dreer da appena dentro l’area di rigore con un chirurgico sinistro. ECL AMERICA

©LECHAMPIONS.it. Tutti i diritti riservati/All rights reserved.