Villareal-Liverpool 2-3

Doveva essere una passeggiata quella del Liverpool allo stadio de la Ceramica. Lo è stato solo per per 45′, i secondi, bellissimi. Nei primi i reds le hanno prese dal Villareal capace incredibilmente di pareggiare momentaneamente il risultato dell’andata. Merito di un atteggiamento impeccabile che ha messo alle corde gli ospiti piegandoli con le reti di Dia e Coquelin a inizio e fine della frazione. Dopo il riposo cambia tutto: entra in campo la sorella gemella (quella reale) della squadra inglese e per il sottomarino giallo è la fine. Contro un pressing asfissiante i padroni di casa sono costretti nella propria area e i gol di Fabinho (il migliore dei suoi), Diaz (ingresso in campo decisivo il suo) e Mané (la solita garanzia con un Salah non al meglio) stroncano i sogni dei ragazzi di Unai Emery che terminano qui l’inatteso e bellissimo cammino in Champions. Stasera a Madrid l’altra gara di ritorno delle semifinali: Real Madrid-Manchester City. Si riparte dall’epico 4-3 ottenuto dai citizens la scorsa settimana all’Ethiad. LECHAMPIONS EUROPA

I commenti del dopo partita

Jurgen Klopp, tecnico del Liverpool: “Sapevo che non sarebbe stato facile. Il primo tempo lo ha confermato. Abbiamo preso gol molto presto, erano indiavolati. Bisogna rispettare questo stadio, questa squadra, il loro allenatore. Hanno ottenuto l’inizio che volevano. Sono stati aggressivi, hanno preso slancio, hanno imparato dalla prima partita prendendosi molti rischi. Nella ripresa siamo stati calmi. Bisognava accettare che se loro avessero giocato così anche nella ripresa avrebbero meritato di passare. Diaz ha avuto un grande impatto. È un ottimo giocatore e lo conosciamo. Al di là di come è entrato lui, è il nostro modo di giocare che è cambiato. Non eravamo pronti ad affrontare il primo tempo perché ci hanno aggredito ogni volta che avevamo la palla. Poi siamo riusciti a contrastare meglio Parejo. Siamo stati molto bravi, abbiamo meritato di vincere. In finale, chiunque incontreremo, sarà un partitone”.

Unai Emery, allenatore del Villareal: “Avevamo pianificato una partita del genere, anche perché ci serviva qualcosa in più per qualificarci. Volevamo spingere e lo abbiamo fatto nel primo tempo, interpretandolo in modo eccezionale, anche se non siamo riusciti a mantenere lo stesso livello di gioco e intensità per tutti i 90′ di gioco. Nel secondo tempo abbiamo perso un po’ di forza e dovevamo recuperare, avere un po’ più di possesso palla ed essere forti in fase difensiva. Quando loro hanno alzato il ritmo, noi non abbiamo avuto la capacità di rispondere a un avversario come il Liverpool; abbiamo perso praticamente tutto nel secondo tempo, è stato difficile per noi trovare risorse in questo senso. Mi sento felice e orgoglioso, ma volevamo di più. Personalmente coltivavo insieme ai ragazzi il sogno e l’ambizione di fare un altro passo. Non sarà così, ma continueremo a perseguire il nostro progetto tecnico. La Champions ci ha chiesto molto e in Liga siamo settimi. Dovremo dare il massimo nelle prossime quattro partite per tornare in Europa”.

Il tabellino

UEFA Champions League 2021-22 – Ritorno semifinale / Villareal, stadio de la Ceramica

Villareal-Liverpool 2-3

VILLAREAL: Rulli, Albiol (79′ Aurier), Estupinan (79′ Trigueros), Pau Torres, Foyth, Capoue, Parejo, Coquelin (68′ Pedraza), Lo Celso, Moreno (68′ Chukwueze), Dia (80′ Alcacer). All. Unai Emery
LIVERPOOL: Alisson, van Dijk, Robertson (80′ Tsimikas), Alexander-Arnold, Konaté, Alcantara (80′ Jones), Fabinho (84′ Milner), Keita (79′ Henderson), Salah, Mané, Jota (46′ Diaz). All. Jurgen Klopp

Arbitro: Danny Makkelie (Olanda)
Reti: Dia 3′, Coquelin 41′; Fabinho 62′, Diaz 67′, Mané 74′
Ammoniti: Pau Torres, Capoue, Lo Celso; Alexander-Arnold
Espulso Capoue per doppia ammonizione.

©LECHAMPIONS.it. Tutti i diritti riservati/All rights reserved.

,